Codogno (Lodi), 17 luglio 2017 - È ancora tutta da chiarire la dinamica del tragico scontro in cui ha perso la vita un uomo ieri a Maleo. L’automobilista, a bordo della sua Mercedes Classe B, stava attraversando il passaggio a livello della sp234 che congiunge appunto Maleo e Codogno: l’auto, con ogni probabilità, ha sfondato la sbarra del passaggio a livello, che secondo Trenord era regolarmente abbassata, ma non è da escludere un malore o il sole che lo ha accecato, proprio nel momento in cui sopraggiungeva il treno delle 19 diretto da Milano a Mantova.

L'impatto non ha lasciato scampo all’uomo, lodigiano residente a Fombio di settantasette anni, colpito in pieno dal convoglio che lo ha trascinato per circa trecento metri. Sono risultati vani quindi i soccorsi della croce rossa di Codogno, giunta sul posto con i vigili di fuoco di Casalpusterlengo e Lodi e i carabinieri di Maleo e Castelnuovo, che hanno appurato il decesso. Scossi, nonostante in molti non si siano accorti di nulla, i passeggeri – un centinaio – a bordo del convoglio, portati poi a destinazione da un pullman sostitutivo.

Un uomo di 54 anni ha avvertito dolori al petto ed è stato portato in ospedale per accertamenti. Il tratto di 234 a ridosso del passaggio a livello è rimasto chiuso al traffico fino allo spostamento del convoglio. Il compito di estrarre il corpo dell’automobilista deceduto è spettato agli uomini della Polfer giunti sul posto per effettuare rilievi. Il treno è stato poi spostato a ridosso della mezzanotte così come l’automobile, dove l’uomo è rimasto incastrato tanto da rendere ancora più difficili le operazioni di recupero.