Olgiate Molgora (Lecco), 9 gennaio 2018 – Per due giorni un pensionato di 82 anni di Olgiate Molgora è rimasto "prigioniero" in casa propria, riverso sul pavimento, senza poter chiedere aiuto, né mangiare né bere, dopo essere caduto. Lo hanno salvato i sanitari del 118 insieme ai vigili del fuoco, allertati da una vicina di casa che non lo vedeva dall'altra mattina e che nemmeno riusciva a contattarlo.

L'allarme in un'abitazione tra le vie Aldo Moro e Pilata è scattato questa sera, martedì. Inizialmente si è temuto il peggio, poi, quando i pompieri volontari del distaccamento di Merate sono riusciti a fare irruzioni nell'appartamento seguiti dai soccorritori di Areu l'anziano è stato invece trovato debilitato e confuso ma vivo. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Brivio. L'82enne ha riferito di essere inciampato e caduto lunedì mattina, cioè ieri. A causa dell'età e delle ferite che ha rimediato non è però riuscito né a rialzarsi né a gridare per richiamare l'attenzione di qualcuno. Dopo le prime cure sul posto l'anziano è stato trasferito in ambulanza in ospedale per tutti gli accertamenti del caso. Sta tutto sommato bene, ma è stato ricoverato in osservazione.