Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
8 lug 2022

Quanto inquina inviare tweet, una mail o fare un post su Facebook e Instagram? Lo studio

Anche le più semplici operazioni digitali hanno un impatto sull'ambiente. Ci sono però modi per contenere le emissioni di CO2 e risparmiare

8 lug 2022
Chat su Instagram anche da pc
Uno smartphone
Chat su Instagram anche da pc
Uno smartphone

Usare l'auto, accendere il condizionatore o i termosifoni. Sono tutte attività che inquinano. Si sa. E chiunque le facci sa, più o meno coscientemente, che sta facendo un'attività che nuoce all'ambiente. Ma ci sono molte altre cose che facciamo e che hanno un impatto sull'ecosistema. Piccoli gesti, ormai quotidiani, come inviare una mail o un tweet, fare un post su Facebook o su Instagram che inquinano. Inviare un tweet ad esempio comporta l'emissione di 0,2 grammi di CO2. Mandare una mail: 4 grammi di anidride carbonica. Una mail con allegata costa all'ambiente 50 grammi di CO2. Poca roba, ma se si pensa a quante volte queste operazioni vengono ripetute da milioni di persone ogni giorno. Senza arrivare al mining (la creazione) dei bitcoin: 56,8 milioni di tonnellate di CO2 in un anno. Anche se non ce ne accorgiamo, ogni azione digitale comporta degli effetti sull’ambiente. Secondo lo “Studio sulla sostenibilità” realizzato da Iab Italia e YouGov, l’industria digitale è responsabile per il 4% delle emissioni di anidride carbonica nel mondo: questo dato è destinato a raddoppiare entro il 2025 e raggiungerà il 20% entro il 2050.  Anche se percepito come astratto e intangibile, l’ecosistema digitale è a tutti gli effetti un’infrastruttura fisica e materiale: reti di connessione, cloud, satelliti e centri di elaborazione hanno bisogno di importanti quantitativi di energia per computare, trasmettere e immagazzinare dati, senza considerare il consumo dei sistemi di illuminazione e raffreddamento che permettono il funzionamento di tutta l’architettura IT. Il trend è in continua crescita e anche in Italia stanno proseguendo gli investimenti in digitalizzazione: ma in che modo è possibile abbattere la “carbon thumbprint”, ovvero l’equivalente dell’impronta di carbonio nel settore digitale? Ora, se per un privato "normale cittadino" è difficile pensare di ridurre l'inquinamento facendo queste operazioni, per un'azienda è possibile.  Una possibile soluzione arriva ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?