Il sindaco Antonino Nucera
Il sindaco Antonino Nucera

Opera (Milano), 15 settembre 2019 - Incontro fruttuoso tra l’amministrazione comunale e Città Metropolitana: il ponte pedonale a Noverasco si farà. All’incontro erano presenti il vicesindaco dell’ex Provincia di Milano, Arianna Censi, con il suo staff e il sindaco di Opera Antonino Nucera insieme ai propri uffici. Fulcro dell’incontro, le sorti del ponte pedonale di Noverasco, chiuso ad agosto dello scorso anno in via precauzionale con un’ordinanza sindacale in seguito a una serie di crolli.

Dopo un anno di richieste e sollecitazioni da parte del sindaco di Opera, portavoce delle forti preoccupazioni e del disagio segnalato a più riprese dai residenti nella frazione di Noverasco, arriva finalmente la soluzione. «Il ponte pedonale si rifarà»: è quanto afferma il vicesindaco di Città Metropolitana Arianna Censi. «Sarà una struttura moderna, all’avanguardia, leggera e sicura. Il lavoro certosino di reperimento dei fondi ha portato eccellenti risultati: abbiamo trovato l’ingente somma necessaria a concretizzare la soluzione. L’opera sarà progettata ed appaltata entro dicembre». «La sinergia tra amministrazione comunale di Opera e Città Metropolitana è stata in grado di sbloccare una situazione critica, che si trascinava ormai da più di un anno – commenta Nucera – Si è lavorato insieme per il raggiungimento di un obiettivo comune, a beneficio delle esigenze della collettività. Adesso, finalmente, gli operesi hanno la possibilità di avere risposte precise e puntuali».

Se per il ponte pedonale di Noverasco si intravede la luce, resta però ancora buio totale per il ponte ciclopedonale demolito cinque anni fa, i cui lavori avrebbero dovuti partire lo scorso anno. «Restiamo preoccupati per la situazione attuale di Noverasco dove due ponti non sono utilizzabili, quello ciclopedonale è stato demolito e non ricostruito e la passerella resterà chiusa per molto tempo ancora – spiega Pino Pozzoli, consigliere di Tutti All’Opera – Inoltre per quanto riguarda il terzo ponte, quello per le auto dove si sono staccati pezzi di cemento, ancora non abbiamo avuto notizie certe del sopralluogo».