Derby Milan-Inter contro il razzismo
Derby Milan-Inter contro il razzismo

Milano, 21 settembre 2019 - L'Inter festeggia la vittoria nel derby e a fine partita c'è stata la stretta di mano e l'abbraccio tra Lukaku e Brozovic. Eì' così esplosa la festa dei nerazzurri che hanno saltato tutti insieme per il successo che conferma la vetta solitaria della classifica, dopo quattro successi consecutivi in campionato. Ha esultato anche Antonio Conte che si è lasciato andare ed è entrato in campo, festeggiando con i suoi giocatori sotto la Curva Nord. A decidere il derby sono stati i gol di Brozovic e Lukaku, i due protagonisti del 'caso' che ha scosso l'ambiente nerazzurro in settimana. Dopo la lite durante Inter-Slavia Praga, sembra tornato il sereno, sigillato dal lungo abbraccio a

OLTRE 70MILA SPETTATORI - Una marea rossonera e nerazzurra tra baci e abbracci fuori dallo stadio di San Siro a pochi minuti dal derby numero 224 della storia. Flusso regolare attorno allo stadio, sorvegliato dal volo degli elicotteri e dalle forze dell'ordine: non si registrano particolari problemi a raggiungere l'impianto, né particolari code alle biglietterie ma l'aria è già elettrica. La sfida ha ancora una volta numeri da record con oltre 200 Paesi collegati e raccontata da oltre 260 giornalisti, 40 fotografi e più di 300 addetti alle produzioni televisive. Sugli spalti oltre 70 mila spettatori: non c'è stato il tutto esaurito perché 6 settori complessivi, tra terzo anello blu e terzo anello verde, sono chiusi per la decisione presa ad inizio agosto dalla Commissione provinciale di vigilanza per contrastare il fenomeno delle vibrazioni.

false

Derby Milan-Inter, coreografia dei rossoneriCOREOGRAFIE SHOW -  Sant'Ambrogio, patrono di Milano, che schiaccia il biscione simbolo dell'Inter e la frase: "Al diavolo la fede". La curva del Milan ha acceso lo spettacolo già prima dell'ingresso in campo delle squadre, con una coreografia imponente, grande quanto i tre anelli sud di San Siro. "La leggenda narra - si legge su due papiri laterali - una storia frutta di fantasia ed immaginazione ma la realtà insegna che anche il patrono è caduto in tentazione". Risponde la Curva dell'Inter con lo striscione "E mai nessun ci fermerà" e la scritta 1969 nel secondo anello con bandierine colorate. 

LUCI A SAN SIRO - Luci con 365 proiettori led hanno dato spettacolo e suggestione nel prepartita. Un impianto innovativo istallato in appena 39 giorni e utilizzato per la prima volta proprio per la stracittadina. Un ricco parterre assisterà alla stracittadina: ci saranno il presidente della Fifa Gianni Infantino, i doppi ex Ronaldo e Vieri, Fabio Capello e tanti ex giocatori del Milan, come Marco Van Basten; presenti anche l'ex tennista Boris Becker e il campione iridato di SuperGigante, Dominik Paris

Derby Milan-Inter contro il razzismo"NO AL RAZZISMO" - Un derby per dire "no al razzismo". Il club rossonero ha lanciato un messaggio forte nella sfida contro l'Inter con l'istituzione di una task force interna. Sul maxischermo di San Siro sono state ricordate ai tifosi le norme comportamentali e il codice di autoregolamentazione di accesso allo stadio diretto ad escludere dallo stadio i soggetti che non rispettino le regole. Già nel prepartita la scritta 'Derby Against Racism' è stata proiettata nei led a bordo campo. La task force vuole esprimere la massima solidarietà nei confronti di chi è stato vittima di episodi discriminatori. Un messaggio condiviso tra Milan e Inter, tanto che le squadre sono rimaste abbracciate in campo prima del fischio d'inizio per una foto di gruppo e il cartellone con la scritta: 'Derby against racism'. I giocatori si sono messi in posa alternandosi, calciatore milanista al fianco di calciatore interista per dare maggiormente l'idea di unione e partecipazione. Lo speaker ha ricordato l'obiettivo del progetto rossonero sottolineando che Inter e Milan lottano insieme contro il razzismo.

"CAFU', LA SUD TI ABBRACCIA" - "Cafù la Sud ti abbraccia". È il messaggio di cordoglio e vicinanza che gli ultras del Milan hanno voluto mandare all'ex difensore rossonero che, lo scorso 5
settembre, è stato colpito dal gravissimo lutto della morte del figlio Danilo, stroncato da un malore mentre giocava a calcio. Lo striscione è stato esposto dalla Curva Sud durante il primo tempo del derby di Milano.