Milano, 21 ottobre 2017 -  Polemica sul nodo affluenza tra il presidente della Regione Roberto Maroni e il ministro targato Pd Maurizio Martina. Ma non solo. Tensione tra il governatore lombardo e lumbard e il segretario della Lega Matteo Salvini sull’obiettivo politico della consultazione. 

Le ultime ore della campagna elettorale per il referendum consultivo che chiede una maggior autonomia per Lombardia e Veneto regalano polemiche a tutto campo. Ma partiamo dai numeri della consultazione. Seggi aperti domani dalle 7 alle 23. Per la prima volta in Italia si sperimenterà il voto elettronico: pronti 24 mila tablet nelle 8 mila sezioni. Costo complessivo della consultazione: oltre 50 milioni di euro. Il quesito è il seguente: «Volete voi che la Regione Lombardia, in considerazione della sua specialità, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione e con riferimento a ogni materia legislativa per cui tale procedimento sia ammesso in base all’articolo richiamato?».

Sono  chiamati alle urne 7,5 milioni di lombardi. E sta proprio nell’affluenza ai seggi il nodo politico che divide Maroni da una vittoria o da una sconfitta. Il referendum lombardo, a differenza di quello veneto, non ha il quorum del 50% e il governatore, anche ieri, ha ribadito che «un’affluenza del 34% la considero un successo» e, nel merito del quesito, il presidente della Regione chiede al Governo «l’autonomia in tutte le materie indicate nell’articolo 117 della Costituzione» e punta a ottenere «almeno il 50% del residuo fiscale, ovvero 27 miliardi di euro». Sul fronte dell’affluenza, il numero uno di Palazzo Lombardia prende come punto di riferimento il 34% dei lombardi che andò a votare nel 2001 per il referendum costituzionale sull’articolo V.

Ma il Pd non ci sta. Il ministro delle Politiche agricole Martina affonda il colpo: «L’obiettivo minimo del 34% di affluenza pare già il tentativo di Maroni di anticipare una clamorosa sconfitta. La richiesta del residuo fiscale? Se uno pone una questione del genere, sostanzialmente si avvia verso una versione quasi secessionista. Ma abbiamo bisogno di tutto fuorché di una deriva catalana». Martina annuncia che non andrà alle urne e punta sul flop dell’affluenza. La stessa cosa farà il segretario lombardo del Pd Alessandro Alfieri. Ma non tutti i dem la pensano così. Il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, candidato governatore in pectore del centrosinistra alle Regionali proprio contro Maroni, si recherà alle urne e voterà «sì». 
E anche il Veneto dirà la sua. Alla conclusione della campagna elettorale a Treviso, il governatore Luca Zaia dichiara: «Roma l’ho frequentata. Se ti siedi al tavolo della trattativa da solo con qualcuno davanti, la butta in politica. Se ti siedi al tavolo della trattativa davanti a un politico e con te c’è il popolo, diventa una battaglia di popolo».

Voterà «sì», invece, il leader del Carroccio Matteo Salvini, che però frena sugli obiettivi ultra-autonomisti di Maroni: «Non vogliamo uscire da niente e da nessuno». La replica del governatore non si fa attendere: «Salvini ha l’ambizione di far uscire la Lega dai territori tradizionali, ma ricordo che il nostro movimento si chiama Lega Nord e che nell’articolo 1 dello Statuto c’è scritto che l’indipendenza della Padania è tra le finalità». Sarà per questo obiettivo posto sullo sfondo da Maroni che la leader di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni ha già detto che se fosse lombarda non si recherebbe alle urne. Lega e Forza Italia, con Silvio Berlusconi in campo, sono per il «sì», Fd’I per l’astensione. E anche il centrodestra si divide sul referendum.