Quotidiano Nazionale logo
16 feb 2022

Manifestante del G8 torna in cella dopo 21 anni

Revocato l’affidamento in prova a una comunità per il pavese Luca Finotti, condannato per devastazione e saccheggio per i fatti di Genova

nicoletta pisanu
Cronaca
Tra i dimostranti nel 2001 c’era anche Luca Finotti, che ora torna dietro le sbarre poiché. la Cassazione ne ha bocciato il ricorso
Tra i dimostranti nel 2001 c’era anche Luca Finotti, che ora torna dietro le sbarre poiché. la Cassazione ne ha bocciato il ricorso
Tra i dimostranti nel 2001 c’era anche Luca Finotti, che ora torna dietro le sbarre poiché. la Cassazione ne ha bocciato il ricorso

di Nicoletta Pisanu La Cassazione ha confermato la revoca della misura dell’affidamento in prova per Luca Finotti, 42enne pavese che sta scontando la pena per il reato di devastazione e saccheggio di cui era stato accusato in relazione agli eventi del G8 di Genova del 2001. La decisione della Suprema Corte risale al 2 dicembre, ma è stata pubblicata ora. Finotti era stato condannato in primo grado a 10 anni e 9 mesi, poi la pena era stata ridotta a 8 anni di reclusione con conferma in terzo grado nel 2014. Il termine è previsto per la fine del 2022, ma nel 2019 Finotti aveva ottenuto la possibilità di scontare il periodo rimanente in una comunità. Tuttavia, nel 2021 il Tribunale di sorveglianza di Brescia aveva revocato l’affidamento in prova, per cui per Finotti si erano aperte le porte del carcere. Una decisione presa, come si legge nella sentenza di Cassazione, perché gli erano stati contestati "alcuni episodi di trasgressione al percorso terapeutico (durante un’uscita il detenuto aveva abusato di alcolici ed aveva introdotto tabacco nella struttura) e in generale per l’atteggiamento conflittuale tenuto con gli altri ospiti e con gli operatori della struttura, nonché con l’équipe multidisciplinare". La difesa di Finotti aveva proposto ricorso in Cassazione, con due motivazioni: erronea applicazione della legge penale in quanto la revoca della misura sarebbe stata decisa senza coinvolgere il Servizio dipendenze del territorio, e perché per i soggetti fragili che accedono alla misura in base all’art. 94 del Testo unico sugli stupefacenti la revoca del programma "costituisce una extrema ratio che non dovrebbe conseguire a condotte banali come quelle invocate nel caso di specie", riportano le carte. La Cassazione ha ritenuto infondato il ricorso. In primis i giudici rilevano che "si osserva che nessun particolare ruolo è assegnato dall’ordinamento penitenziario al Servizio dipendenze ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?