Immobili dismessi dalla mappa al rilancio

Il Gal ha presentato un sistema per attirare residenti in Lomellina dalle città

Immobili dismessi dalla mappa al rilancio

Gli esperti Luca Sormani e Pio Parma

Sarà uno strumento a disposizione delle Amministrazioni locali, dei tecnici urbanistici e delle imprese per identificare le aree più indicate per gli investimenti di rigenerazione urbana. Il Gal Risorsa Lomellina ha presentato a Lomello il Riid, vale a dire il Sistema informativo degli immobili dismessi.

"In prima battuta verrà avviata una fase di raccolta sistematica di informazioni – spiega il direttore dei Gal, Luca Sormani – La risorsa di partenza saranno gli immobili dismessi residenziali e produttivi. I dati saranno poi incrociati con una serie di parametri aggiuntivi come le infrastrutture esistenti e in fase di progettazione, i valori ambientali, i beni storico-artistici e monumentali, i percorsi di mobilità dolce, le reti tecnologiche, i servizi scolastici e le attività commerciali. In questo modo sarà possibile classificare il patrimonio immobiliare dismesso, evidenziando le aree di maggiore interesse sulla base delle richieste presentate dall’utente". Il progetto sarà finanziato con fondi regionali. L’obiettivo è individuare bisogni e aspettative di chi vuole lasciare la città e vivere in zone come la Lomellina, più appetibili dal punto di vista paesaggistico e della sicurezza sociale.

"Secondo la nostra indagine – ha spiegato Pio Parma di The European House-Ambrosetti – il 15% degli intervistati si è detto interessato a lasciare Milano per una zona rurale mentre il 51,7% è aperto a considerare l’opzione in futuro. Tra le caratteristiche irrinunciabili ci sono la solidità dei servizi sanitari, commerciali e il trasporto pubblico oltre alle opportunità di lavoro a breve distanza e l’adeguato livello salariale".

U.Z.