Quotidiano Nazionale logo
28 gen 2022

Allarme dentro il carcere: 100 positivi su 600 detenuti

Domenico Benemia (Uil): "Contagiati anche 24 agenti su poco più di 300. Situazione insostenibile tra sezioni chiuse, “bolle“ impossibili e quarantene"

marco galvani
Cronaca

di Marco Galvani "Cento detenuti positivi su poco meno di 600. Oltre a 24 agenti contagiati su poco più di 300. Fossimo un paese di mille abitanti, verremmo dichiarati zona rossa". Per Domenico Benemia, della segreteria regionale Uil polizia penitenziaria, "la situazione all’interno del carcere di Monza è diventata insostenibile". Punta il dito verso i vertici dell’Amministrazione penitenziaria, mentre "qui tutti lavorano senza sosta, senza orari, a cominciare dalla direttrice e dal comandante". Ma "siamo allo stremo". Vero è che tutti i nuovi detenuti in ingresso sono sottoposti a tampone molecolare o rapido e lo screening è effettuato anche sui detenuti che devono essere trasferiti da un istituto di pena a un altro, tuttavia i dati dell’ultimo monitoraggio comunicati dal provveditore del Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria Pietro Buffa e dal responsabile della sanità nelle carceri della Lombardia, Roberto Ranieri, evidenziano che la percentuale di positivi e dei non vaccinati tra i nuovi ingressi è altissima, oltre il 90%. In via Sanquirico "in ogni sezione ci sono delle ‘bolle’ con positivi – continua il sindacalista -, non è possibile creare un unico reparto Covid" perché in carcere conta anche che reato hai commesso. Non è come in ospedale, certi detenuti non possono convivere con altri. E quindi "oggi ci ritroviamo ad avere sezioni chiuse, il regime delle cosiddette sezioni aperte è stato temporaneamente sospeso perché abbiamo positivi, quarantene e negativi". Un clima "pesante" con "orari di lavoro che vanno ben oltre le sei ore previste dal contratto". E a questo si aggiunge che "abbiamo appreso ufficiosamente l’apertura del nuovo padiglione ex femminile", da anni abbandonato, che dovrebbe ospitare 90 detenuti in più "senza, però, la garanzia di ricevere rinforzi". Oggi la casa circondariale di Monza ha 16 sezioni detentive maschili, con una capienza normalmente di oltre 600 detenuti, la metà stranieri. E ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?