Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
18 mag 2022
18 mag 2022

Bielorussia: "Pena di morte a chi tenta atti di terrorismo". Perché c'entra con la guerra

Il presidente Lukashenko firma le novità del codice penale: cresce il timore che serva a preparare l'entrata nel conflitto ucraino al fianco della Russia

18 mag 2022
epa09950832 Belarus' President Alexander Lukashenko attends a meeting of the leaders of the Collective Security Treaty Organization (CSTO) member states at the Kremlin in Moscow, Russia, 16 May 2022. Moscow is hosting the CSTO summit, timed to coincide with the 30th anniversary of the signing of the Collective Security Treaty and the 20th anniversary of the creation of the Organization, which includes Armenia, Belarus, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Russia and Tajikistan.  EPA/ALEXANDER NEMENOV / POOL
Il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko
epa09950832 Belarus' President Alexander Lukashenko attends a meeting of the leaders of the Collective Security Treaty Organization (CSTO) member states at the Kremlin in Moscow, Russia, 16 May 2022. Moscow is hosting the CSTO summit, timed to coincide with the 30th anniversary of the signing of the Collective Security Treaty and the 20th anniversary of the creation of the Organization, which includes Armenia, Belarus, Kazakhstan, Kyrgyzstan, Russia and Tajikistan.  EPA/ALEXANDER NEMENOV / POOL
Il presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko

Minsk - Aleksandr Lukhashenko  il presidente padre-padrone della Bielorussia, alleato numero 1 di Vladimir Putin, ha firmato degli emendamenti al codice penale, che prevedono la pena di morte anche per "tentati atti di terrorismo", più specificamente per la "preparazione" di atti di terrorismo. Come si legge sul sito del ministero della Giustizia di Minsk, la modifica del Codice penale, pubblicata in gazzetta ufficiale, entrerà in vigore a partire dal 29 maggio. La Bielorussia è l'unico paese europeo che applica la pena di morte.

Ecco cosa dice esattamente la mlegge che modifica il codice penale:  "Come misura eccezionale di punizione, è consentito l'uso della pena di morte per i reati previsti dall'articolo 124, parte 2 ('un atto di terrorismo contro un rappresentante di uno Stato straniero o un'organizzazione internazionale'), nella parte 3 dell'articolo 126 ('un atto di terrorismo internazionale'), nella parte 3 dell'articolo 289 ('un atto di terrorismo') e nella parte 2 dell'articolo 359 ('un atto di terrorismo contro uno Stato o personaggio pubblico') del presente Codice, o per altri reati particolarmente gravi connessi alla privazione intenzionale della vita di una persona in circostanze aggravanti".

La novità, a giudizio di diversi osservatori, potrebbe rientrare in una serie di misure del governo di Minsk che permetterebbero al Paese di entrare direttamente in campo al fianco della Russia nella guerra in Ucraina. In particolare, l'aver reso possibile la pena capitale per i "reati di terrorismo contro un rappresentante di uno Stato straniero o un'organizzazione internazionale" sembra essere un tentativo di intimidire la forte, ma sotterranea, opposizione di gran parte della popolazione al conflitto contro il Paese vicino, considerato amico dalla maggioranza dei cittadini. Finora, tuttavia, tutti i movimenti di truppe bielorusse al confine ucraino sono sembrati atti dimostrativi. All'inizio del conflitto, comunque, Minsk lasciò passare i tank dell'invasore russo sul proprio territorio.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?