Kevin Punter ne fa 20 contro i bavaresi
Kevin Punter ne fa 20 contro i bavaresi

 

ARMANI EXCHANGE MILANO-BAYERN MONACO 80-69
26-12; 47-29; 65-53
MILANO: Punter 20, LeDay 10, Micov 2, Roll, Rodriguez 13, Tarczewski 2, Delaney 9, Shields 12, Brooks ne, Evans 5, Hines 6, Datome 1. All. Messina
MONACO: George, Baldwin 23, Kraemer ne, Seeley, Reynolds 11, Lucic 11, Flaccadori, Zipser 7, Gist 11, Johnson, Sisko 6, Radosevic. All. Trinchieri
Note: tiri da 2: MI 18/40, BM 15/35; tiri da 3: MI 7/20, BM 8/21; tiri liberi: MI 23/27, BM 15/22; rimbalzi: MI 27 (Hines 7), BM 33 (Lucic 8); assist: MI 13 (Rodriguez 4), BM 11 (Baldwin 6)


Milano, 22 aprile 2021 - Ben altro tenore di partita è quello che l'Olimpia Milano mette in campo nel secondo atto dei playoff di Eurolega. L'Armani cancella il Bayern portandosi sul 2-0 con la vittoria 80-69. Lo fa con un 1° tempo sontuoso, dove il 20-0 di parziale nel cuore del primo periodo fa la differenza, con una varietà di soluzioni offensive decisamente più ampia e una difesa fin da subito in "missione". Così la prima frazione della coppia Punter-Shields è ai limiti della perfezione con la coppia che mette a segno praticamente la metà dei 47 punti (23 per l'esattezza) con cui l'AX va al riposo. Nella ripresa, in più di un'occasione i tedeschi si rifanno sotto mettendo un po' di pepe al match (al massimo -6), ma è ancora Rodriguez il giustiziere del Bayern.  L'inizio della partita è complicato con la difesa del Bayern che ricalca quella perfetta del primo match (0-5 al 2'), ma è con Punter che l'AX toglie il tappo con 8 punti consecutivi dell'Agent 0 milanese (8-5). Il parziale dei biancorossi diventa clamoroso quando Datome dalla lunetta firma il 20-5 lasciando all'asciutto i bavaresi per 6 minuti. E anche quando i tedeschi si sbloccano in attacco, Milano mantiene il pieno controllo volando via sul 32-14 al 12' con Shields che cambia marcia, scollinando anche il doppiaggio quando LeDay segna dall'arco addirittura il 40-18. All'intervallo l'AX ci va con una tripla sulla sirena di Rodriguez (47-29). Nella ripresa le parti sembrano invertirsi perchè l'AX non segna più, mentre il Bayern trova tutto quel che prima non veniva tra Baldwin e Gist avvicinandosi pericolosamente sul 55-49 al 28'. L'inerzia si interrompe, però, quando Trinchieri si fa espellere per somma di "tecnici" (gli ultimi 11' li allena il vice Vertemati). Qui sale in cattedra Rodriguez che firma due liberi, regala una schiacciata ad Evans e poi piazza una tripla che rimette in viaggio l'AX 65-50. Ed è proprio la "strana" coppia formata dall'ala e dal play che scaccia la paura in apertura di ultimo quarto (72-55). Ora quasi una settimana di lavoro, inframezzata dalla gara con Pesaro, mercoledì 28 l'AX avrà il colpo del ko a disposizione con un po' di pepe in più dopo le scaramucce dopo la sirena tra i giocatori. Serve una vittoria per tornare alle Final Four dopo 29 anni.