Quotidiano Nazionale logo
19 gen 2022

Territorio al setaccio Arresti e denunce

In manette uno spacciatore. Nei guai anche tre uomini. che passavano la notte. dentro una macelleria

La polizia locale ha sequestrato una macelleria che veniva utilizzata come ricovero notturno, due persone sono state denunciate, un’altra arrestata
La polizia locale ha sequestrato una macelleria che veniva utilizzata come ricovero notturno, due persone sono state denunciate, un’altra arrestata
La polizia locale ha sequestrato una macelleria che veniva utilizzata come ricovero notturno, due persone sono state denunciate, un’altra arrestata

La reazione è stata immediata, una "risposta per ribadire la presenza delle istituzioni sul territorio e garantire la sicurezza di tutti i cittadini onesti di Rozzano". Il sindaco Gianni Ferretti commenta la maxi operazione di lunedì che ha visto 15 agenti guidati dal comandante Samanta Zacconi proprio in via Mimose, teatro della brutale aggressione avvenuta domenica intorno alle 18. Due fratelli, origini marocchine, sono stati aggrediti da un gruppo di connazionali, secondo le prime testimonianze, a colpi di bastoni, coltelli e forse anche un machete, in base a quanto si può vedere dai filmati ripresi dai passanti. Una ferocia che ha preoccupato i cittadini e il sindaco: "Ho scritto al prefetto per informarlo della situazione che stiamo fronteggiando e per attivare azioni congiunte di prevenzione e repressione dei fenomeni di spaccio e malavita. Chiediamo più carabinieri e l’insediamento di un commissariato. Noi continueremo con quanto ci è possibile fare, mettendo in campo la polizia locale". E così, all’indomani della brutale aggressione, via Mimose e le strade limitrofe del quartiere si sono popolate di agenti che hanno setacciato la zona, ormai conosciuta come area di spaccio a tutte le ore. L’operazione ha portato ad arresti e denunce. In manette è finito C.C., un italiano pluripregiudicato trovato in possesso di 14 dosi di cocaina. Poi, tre uomini, marocchini, sono stati denunciati perché avevano trasformato una macelleria (ora sequestrata) in un ricovero notturno. Dei tre denunciati, Z.Y. 27 anni, H.C. 50 anni e S.M. 25 anni, l’ultimo è stato tratto in arresto in quanto destinatario di un mandato europeo di cattura. I tre sono stati scoperti anche grazie alle segnalazioni di alcuni cittadini della zona. Nel corso dell’operazione, gli agenti hanno sospeso inoltre la licenza a un’altra macelleria islamica di via Mimose per la verifica dei requisiti morali del titolare. Francesca Grillo ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?