Quotidiano Nazionale logo
27 gen 2022

Taxi-aerei olimpici, asse Comune-Sea

L’obiettivo è sviluppare il progetto di Urban Air Mobility per i Giochi invernali Milano-Cortina del 2026

massimiliano mingoia
Cronaca
featured image
Taxi-aerei a Milano

Trovate questo articolo all'interno della newsletter "Buongiorno Milano". Ogni giorno alle ore 7, dal lunedì al venerdì, gli iscritti alla community del «Giorno» riceveranno una newsletter dedicata alla città di Milano. Per la prima volta i lettori potranno scegliere un prodotto completo, che offre un’informazione dettagliata, arricchita da tanti contenuti personalizzati: oltre alle notizie locali, una guida sempre aggiornata per vivere in maniera nuova la propria città, consigli di lettura e molto altro. www.ilgiorno.it/buongiornomilano

Milano - Un altro passo nella direzione dei taxi-aerei per le Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026, un progetto noto anche come Urban Air Mobility-Advanced Air Mobility. Il Comune e la Sea (la società che gestisce gli aeroporti di Linate e Malpensa) hanno appena sottoscritto uno schema di protocollo d’intesa di durata triennale per lo sviluppo di mezzi aerei da utilizzare per velocizzare gli spostamenti in città in vista dei Giochi a Cinque Cerchi.

Ma ripartiamo dall’inizio. L’Urban Air Mobility è un innovativo sistema di trasporto aereo di persone e beni su tratta urbana attraverso sicuri ed efficienti velivoli elettrici a decollo e atterraggio verticale (eVTOL), instradati in corridoi aerei dedicati, a beneficio della riduzione della congestione stradale, dell’inquinamento acustico, della qualità dell’aria e della riduzione dei tempi di trasferimento. Non solo. L’obiettivo finale è già stato indicato nero su bianco: l’introduzione dei primi servizi di Urban Air Mobility (UAM) è prevista in occasione delle Olimpiadi 2026, che vedranno Milano come grande protagonista.

Il progetto è partito un paio di anni fa. Nel dicembre 2019, infatti, l’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile (Enac) ha sottoscritto un protocollo d’intesa con il ministero per l’innovazione Tecnologica e Digitalizzazione per lo sviluppo dell’Urban Air Mobility “Innovazione e Mobilità” quale parte rilevante della strategia nazionale finalizzata a "promuovere nuove forme di mobilità intelligente e uno sviluppo economico sostenibile al fine di migliorare le condizioni di vita dei cittadini, mettendo l’utente finale al centro del progetto".

Successivamente , con la lettera d’Intenti stipulata nel mese di giugno 2021 fra Enac, Enav e Sea, sono state disciplinate le modalità della collaborazione e del reciproco scambio di informazioni, con riferimento alle attività propedeutiche alla definizione del miglior contesto normativo, operativo e infrastrutturale per lo sviluppo di servizi Urban Air Mobility efficienti, sicuri, sostenibili ed interoperabili con le infrastrutture aeroportuali e/o le infrastrutture di trasporto pubblico, anche con riferimento all’area metropolitana di Milano e più in generale della Lombardia.

Mercoledì , intanto, si è registrato un altro passaggio importante, l’approvazione del protocollo d’intesa tra Comune e Sea da cui siamo partiti, un documento sottoscritto dalla Direzione Mobilità e Trasporti di Palazzo Marino. Si tratta di un’intesa che vedrà la Sea come “player’’ principale del progetto aereo. In qualità di gestore aeroportuale con competenze specifiche nella progettazione, realizzazione e manutenzione di infrastrutture e nella gestione delle operations, la società controllata dal Comune è da tempo impegnata con ruolo attivo nella partecipazione a gruppi di lavoro nazionali ed internazionali, al fine di monitorare il quadro normativo che regolamenterà il nuovo settore della Advanced Air Mobility e dello U-Space, conoscere le best practice in ambito aeroportuale, monitorare lo sviluppo del settore ed i trend di mercato. Nel protocollo appena firmato si legge che Comune e Sea ritengono utile istituire una modalità di collaborazione e condivisione reciproca di informazioni su Air Mobility-Advanced Air Mobility, al fine di promuovere il trasporto intermodale attraverso l’integrazione tra modalità di trasporto sostenibili, a partire dalla Olimpiadi del 2026.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?