Quotidiano Nazionale logo
19 gen 2022

Stupri e tentato omicidio Di Fazio va in abbreviato

Esclusa dalle parti civili solo il "Svs -Donna aiuta donna onlus" della Mangiagalli. L’associazione svolge, fin dal 1997, un ruolo di supporto alle vittime di abusi

L’imprenditore farmaceutico Antonio Di Fazio, 50 anni
L’imprenditore farmaceutico Antonio Di Fazio, 50 anni
L’imprenditore farmaceutico Antonio Di Fazio, 50 anni

di Anna Giorgi Sono state ammesse sei parti civili al processo in abbreviato contro il manager Antonio Di Fazio, per altri cinque casi di violenza sessuale e anche per il tentato omicidio dell’ex moglie. Ammesso anche il figlio adolescente della coppia, perché danneggiato dal comportamento del padre. Il ragazzino era presente all’ultimo episodio in cui il manager drogò e violentò la studentessa della Bocconi. Fu proprio la denuncia della studentessa che fece partire le indagini e scoperchiò l’orrore delle violenze seriali. Esclusa dalle parte civili il "Svs: donna aiuta donna onlus". L’associazione che, dal 1997, in contiguità con il Svs della Mangiagalli, aiuta con un supporto a 360, fisico, psicologico e legale, le donne vittime di stupro si era costituita per la prima volta tra i danneggiati. Ma il gip non l’ha ammessa perché non ha ritenuto identificabile "un danno" subito da l’associazione. Alcune delle donne violentate sono però state supportate a livello psicologico dall’associazione che di fatto svolge ormai un servizio essenziale e prezioso. Ma tant’è. Presente all’udienza anche la ex moglie del manager, che per anni aveva sporto denuncia contro l’ex marito, 13 denunce formalizzate in tutto, ma stando a quanto sostiene il suo avvocato Maria Teresa Zampogna non era mai stata ascoltata, non furono mai fatte indagini approfondite sul caso, restò tutto e sempre inquadrato nell’ambito di una dialettica litigiosa di ex coniugi. Contro le ex moglie ora Di Fazio deve rispondere di tentato omicidio, maltrattamenti, lesioni. Il manager del settore farmaceutico (Global Farma) era stato arrestato a maggio. In carcere da circa otto mesi, davanti al gup Magelli aveva ammesso gli abusi nei confronti della studentessa. E lo stesso aveva fatto in precedenza in un interrogatorio davanti ai pm in relazione agli altri episodi, sostenendo di essere "malato" e chiedendo di essere curato. I due procedimenti quello contro ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?