Quotidiano Nazionale logo
14 feb 2022

Rave ad Assago, sgomberate 400 persone

Il party abusivo è stato organizzato all’interno dell’ex fabbrica di bottoni Bomisa. I giovani ci sono rimasti per quasi 24 ore

francesca grillo
Cronaca
Intervenuti carabinieri, poliziotti e vigili del fuoco. Sotto, lo striscione appeso
Intervenuti carabinieri, poliziotti e vigili del fuoco. Sotto, lo striscione appeso
Intervenuti carabinieri, poliziotti e vigili del fuoco. Sotto, lo striscione appeso

di Francesca Grillo Oltre 400 persone hanno partecipato al rave party organizzato nella notte tra sabato e ieri. I giovani hanno occupato il capannone abbandonato dove un tempo si fabbricavano bottoni. È l’ex fabbrica Bomisa in via Idiomi al civico 13, una storica realtà di Assago, attiva dal 1920 e chiusa nel 2016 perché assorbita da un gruppo leader nella produzione proprio di bottoni e accessori. Nel rudere, i giovani si sono dati appuntamento sabato sera e sono rimasti per quasi 24 ore. Sul posto si è registrato un grande dispiegamento di mezzi della questura e dei carabinieri della compagnia di Corsico, oltre agli agenti della polizia locale di Assago. Presenti anche il sindaco Lara Carano e l’assessore alla Sicurezza Marco La Rosa, che hanno verificato la situazione: "Ringraziamo tutte le forze dell’ordine intervenute che con grande professionalità sono riuscite a far mantenere la calma alle centinaia di persone che si sono radunate nel capannone e che hanno gestito in modo impeccabile l’occupazione abusiva. Le operazioni sono continuate fino al tardo pomeriggio". Man mano che uscivano dalla festa, i partecipanti, per lo più giovani dai 20 ai 30 anni, sono stati identificati: oltre 400 persone. Una volta concluse le operazioni di svuotamento e gli accertamenti, si valuteranno le possibili conseguenze in terrmini di denuncia o sanzione. Alcuni hanno anche appeso uno striscione, con scritto “Non vi libererete mai di noi“, fuori dall’ex azienda, sui cancelli che avevano chiuso con catenacci. Sono intervenuti i vigili del fuoco, intorno alle 17 di ieri, per forzare le serrature e consentire agli agenti della Digos di entrare nella fabbrica. Il cortile esterno del capannone era stato occupato da decine di macchine, furgoni, camper e, nelle strade vicine, sono state contate un centinaio di vetture. Tutti i mezzi sono stati controllati dalle forze dell’ordine, che già dalle ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?