Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
14 giu 2022
14 giu 2022

Cosimo Di Lauro, 100 sigarette al giorno, ululati e strane lettere: il delirio del boss

L'autopsia e gli esami tossicologici diranno la verià sulla morte del Principe di Scampia nel carcere di Opera

14 giu 2022
20050122 - NAPOLI - CRO  - CAMORRA : ARRESTO COSIMO DI LAURO, MANDANTE TUTTI OMICIDI SCISSIONISTI -   Cosimo di Lauro, capo dell'omonima banda camorristica catturato la scorsa notte , viene tradotto in carcere dai Carabinieri  oggi  a Napoli. . Cesare Abbate / ANSA / DEF
Cosimo Di Lauro
20050122 - NAPOLI - CRO  - CAMORRA : ARRESTO COSIMO DI LAURO, MANDANTE TUTTI OMICIDI SCISSIONISTI -   Cosimo di Lauro, capo dell'omonima banda camorristica catturato la scorsa notte , viene tradotto in carcere dai Carabinieri  oggi  a Napoli. . Cesare Abbate / ANSA / DEF
Cosimo Di Lauro

Bisognerà attendere giovedì 16 giugno per conoscere la verità sulla morte di Cosimo Di Lauro, il boss della camorra deceduto nella notte tra domenica e lunedì, all'età  di 49 anni, nel carcere milanese di Opera, dov'era detenuto in regime di 41bis dopo la condanna all'ergastolo per omicidio. L'autopsia è stata disposta dal pm Roberto Fontana che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti aperto come atto prudenziale. Che non si tratti di un semplice esame di rito, lo dimostra il fatto che sia stata ordinata anche una più ampia consulenza medico legale e tossicologica per chiarire con esattezza le cause della morte, nonché quali fossero le condizioni di salute del 49enne, figlio del capoclan di Scampia Paolo Di Lauro.

Le ipotesi

Secondo un primo esame esterno, la morte del boss, che ormai viveva in un grave stato di decadimento psicofisico, sarebbe sopraggiunta nella notte, anche se la constatazione del decesso è delle 7,10 di ieri. Sul cadavere del boss e nella cella, come emerso già ieri, non sarebbero stati trovati segni evidenti o elementi che possano far ipotizzare un suicidio o una morte violenta. Si propende quindi per una morte per cause naturali, ma saranno gli accertamenti medici a fare ulteriore chiarezza, escludendo l'avvelenamento o altri comportamenti criminosi.

Lo stato di salute

Farneticava di giorno e ululava di notte, Cosimo Di Lauro, l'ex reggente dell'omonimo clan di Secondigliano, artefice della prima faida di Scampia a inizio secolo. Inoltre ormai fumava cinque pacchetti di sigarette al giorno, che avevano reso i suoi denti neri come il carbone. Secondo quanto si è appreso, è stato trovato esanime, supino sul letto della sua cella, dove trascorreva gran parte della giornata, privandosi anche dell'igiene personale. Per i suoi avvocati, già dal 2008 Di Lauro era incapace di sostenere i processi, contrariamente a quanto invece sostenevano gli inquirenti.

La strana lettera

L'ultima visita dei legali risale al giugno del 2019: gli avvocati si recarono nel carcere di Opera per incontrarlo dopo avere ricevuto una lettera nella quale però non aveva scritto neppure una parola. Quando gli avvocati gli chiesero il perché di quel suo gesto lui rispose, ancora una volta, con frasi farneticanti, prima di congedarsi, repentinamente, per - disse ai professionisti attoniti - "una riunione importante con alcuni imprenditori che doveva sostenere nella veste di capo di un mondo parallelo".

L'ergastolo

Il figlio del capoclan Paolo Di Lauro, quest'ultimo soprannominato Ciruzzo ò milionario, è stato condannato all'ergastolo, con sentenza passata in giudicato, per l'omicidio (avvenuto l'11 dicembre 2004) di Massimo Marino, cugino di Gennaro Marino, ex braccio destro di Paolo Di  Lauro; e per l'assassinio di Mariano Nocera, ritenuto legato agli «scissionisti» degli Abete-Abbinante, ucciso il 2 settembre 2004, secondo il racconto dei pentiti, perché non volle piegarsi al volere di Cosimo

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?