Linate, trasferimento a Malpensa
Linate, trasferimento a Malpensa

Milano, 26 luglio 2019 - Linate chiuso per lavori. Il primo aeroporto milanese chiude dalle 7 di sabato 27 luglio e riaprirà i battenti dopo tre mesi alle 5.59 del 27 ottobre, ma alcuni cantieri rimarranno aperti perché il percorso di rinnovamento dell'aerostazione continuerà fino al 2021.

Con il trasferimento di un primo convoglio di mezzi fino a Malpensa, la notte tra giovedì e venerdì, sono iniziate le operazioni per la chiusura dell'aeroporto di Linate, che sarà sottoposto a lavori di ristrutturazione fino al 27 ottobre. Il primo trasferimento, secondo quanto previsto dal dispositivo di sicurezza messo a punto in una riunione alcuni giorni fa dal comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dai prefetti di Milano e Varese, in collaborazione con Sea, ha riguardato il trasporto di sei cobus, autobus di dimensioni eccezionali in larghezza, impiegati per il trasferimento dei passeggeri, da e verso gli aeromobili. Il convoglio dei mezzi, lungo quasi un chilometro, ad una velocità minima non inferiore a quaranta km orari, scortato dalla polstrada, ha impiegato circa due ore per raggiungere lo scalo di Malpensa.  Il secondo convoglio partirà questa notte, dopo l'ultimo volo diretto a Cagliari. 

Il primo degli interventi che verrà realizzato durante la chiusura dell`aeroporto sarà il rifacimento della pista di decollo e atterraggio di Linate. Si tratta di lavori di manutenzione straordinaria che vengono effettuati obbligatoriamente ogni 15-20 anni per garantire ai passeggeri livelli di sicurezza sempre elevati. Contemporaneamente prenderanno il via i lavori di restyling dell'area imbarchi. Verrà rinnovato anche l'impianto che riceve le valigie (Bhs) e le prepara per l'imbarco nelle stive degli aerei, aumentando ancor di più il livello di security dell'aeroporto, grazie a nuovi sistemi all'avanguardia.

Intanto, Malpensa dovrà fare i conti con una mole di passeggeri pari a quella che avrebbe con un traffico annuale di 30 milioni di persone, 5,3 milioni in più rispetto al record di passeggeri registrato nel 2018. Per far fronte a questo aumento di traffico - ha spiegato la Sea (Società esercizi aeroportuali) - a Malpensa sono stati avviati nei mesi scorsi interventi di rinnovamento e ampliamento, per un totale di oltre 18 milioni di euro di investimento. Ad esempio, con l'obiettivo di potenziare le strutture di ricezione e assistenza dei passeggeri in partenza dal Terminal 1 di Malpensa, è stata allestita un'isola check-in in più. Questo intervento - spiega la società - si è rivelato necessario proprio per consentire una migliore gestione dell'aumento del traffico previsto per il periodo di chiusura di Linate, e permetterà all'aeroporto di smaltire in tempi più brevi l'imbarco dei bagagli e l'accettazione dei passeggeri. D'altro canto, è stato disposto anche l'ampliamento e l'ammodernamento di alcuni gate in modo tale da rendere più agevole e confortevole l'imbarco dei passeggeri.

Trenitalia ha in programma proprio da sabato 28 luglio l'aumento dei collegamenti tra le principali stazioni di Milano (Centrale, Porta Garibaldi e Rogoredo) e Roma (Termini e Tiburtina). Più fermate a Milano Rogoredo con maggiore assistenza e informazioni a tutti i viaggiatori. Azioni - si legge in una nota - che consentiranno di assicurare "un'offerta più ampia e capillare" fra il capoluogo lombardo e la Capitale grazie a un incremento del 55% (rispetto ad agosto 2018) dei collegamenti e più 15mila posti offerti al giorno. In quest'ottica si inserisce anche il potenziamento della stazione Milano Rogoredo, dove fermeranno 50 Frecciarossa, quattordici in più rispetto all'orario invernale 2018-2019. Nel contempo, nei tre mesi di chiusura, Trenord raddoppierà le composizioni dei convogli, offrendo complessivamente 18.500 posti in più (+47%) sui treni Malpensa Express che collegano l'aeroporto e la città di Milano con 146 corse al giorno, cioè una ogni 15 minuti da e per lo scalo.