Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 feb 2022

Le “Pigotte sospese“ dell’Unicef regalate ai bambini di Corvetto

Ieri la consegna alle parrocchie di piazza Gabriele Rosa e via Fratelli Rosselli. "Portiamo un sorriso in quartieri difficili"

24 feb 2022
Le bambole donate da benefattori verranno distribuite ai più piccoli
Le bambole donate da benefattori verranno distribuite ai più piccoli
Le bambole donate da benefattori verranno distribuite ai più piccoli
Le bambole donate da benefattori verranno distribuite ai più piccoli
Le bambole donate da benefattori verranno distribuite ai più piccoli
Le bambole donate da benefattori verranno distribuite ai più piccoli

“Pigotte sospese“ per i bambini del quartiere Corvetto. Ieri i volontari Unicef ne hanno consegnate una cinquantina alle parrocchie di San Michele e Santa Rita e della Medaglia miracolosa per donare sorrisi ai piccoli della zona, a chi vive nei cortili delle case popolari, a chi non è abituato a ricevere regali o sorprese. Anche un semplice gioco, realizzato col cuore e donato con generosità, può migliorare la giornata. Le pigotte sono bambole realizzate a mano da volontari: nonni, genitori e bambini che si danno da fare a casa, nelle scuole, in associazioni e centri anziani. Sono di pezza (in dialetto lombardo, le pigotte indicano i pupazzi del dopoguerra) , e da anni sono “le bambole dell’Unicef“. Ognuna è un pezzo unico. Irripetibile. "Come ciascun bambino", spiegano i volontari. Acquistandole, si finanziano i progetti di Unicef Italia, il Fondo delle Nazioni Unite per l’Infanzia che ha l’obiettivo di contribuire alla sopravvivenza, alla protezione e allo sviluppo delle potenzialità di ogni bambino e bambina, con speciale cura per quelli più fragili e vulnerabili. E le “Pigotte sospese“? "Sono come un caffè sospeso. Chi vuole, può offrire una donazione e destinare una bambola a un’altra persona", spiega Alberto Colorni, presidente del Comitato provinciale Milano Unicef. Per il quartiere Corvetto, "i volontari hanno raccolto una cinquantina di pigotte sospese, con l’obiettivo di portarle in due realtà difficili e di destinarle ai bambini. La situazione attorno a piazza Gabriele Rosa è particolarmente problematica", tra palazzoni popolari in cui spesso la convivenza tra persone di culture diverse è difficile; in cui i cittadini segnalano problemi di spaccio e di sicurezza. "Vogliamo far capire ai bambini che siamo loro vicini. E lo facciamo attraverso le pigotte", continua Colorni. "Abbiamo pensato a questo luogo. Ieri, la consegna delle bambole alle due parrocchie". Alle 9.30 i volontari Unicef hanno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?