Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
15 gen 2022

Incendia auto in un'officina, incastrato da un'invocazione ai santi

Un uomo di 71 anni residente in provincia di Pavia è accusato di un incendio a Pieve Emanuele

15 gen 2022
I due giovani sono stati arrestati dai carabinieri di Busto
Carabinieri
I due giovani sono stati arrestati dai carabinieri di Busto
Carabinieri

Scherza coi fanti, ma lascia stare i santi. Il detto popolare che suggerisce di non coinvolgere figure mistiche in ragionamenti prettamente terreni ben si addice alla storia di un 71enne residente in provincia di Pavia che è accusato di aver dato alle fiamme cinque auto e una moto in un'autofficina di Pieve Emanuele, in provincia di Milano. A incastrarlo sarebbe stata proprio una sua invocazione a un santo. Le forze dell'ordine, che già sospettavano di lui, hanno intercettato una sua invocazione all'interno di un'auto: "Dolcissimo San Michele Arcangelo ti prego aiutami in questo momento più di bisogno e perdona quello che ho fatto, che ho dato fuoco alle macchine. Aiutami con la legge, sta indagando su di me. Fai che non mi arrestano e che non mi condannano, ti prego dolcissimo San Michele Arcangelo, intervieni tu! Porta al Signore tutto il mio dispiacere, le mie lacrime, le mie sofferenze". E rivolto a San Giuseppe: "Ti prego concedimi la grazia che ti sto per chiedere, fa che i carabinieri di Pieve Emanuele non mi condannano e non mi giudicano e non mi arrestano per questo gesto sconsiderato che ho fatto, l'ho fatto solo per rabbia". E così al giudice per le indagini preliminari di Milano, Guido Salvini, non è rimasto altro da fare che considerare le invocazioni come una vera confessione. Il 71enne, che avrebbe agito per vendetta dopo una lite in famiglia, si trova ora agli arresti domiciliari.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?