Quotidiano Nazionale logo
21 mar 2022

In bicicletta per dire: cambiamo stile di vita

L’appello viene dalla Fiab "Non si parli di austerity ma di risparmio energetico e di una nuova consapevolezza"

alessandra zanardi
Cronaca
L’iniziativa ha voluto mandare un messaggio di pace e di solidarietà con l’Ucraina, cui è stata destinata la raccolta di fondi della merenda collettiva
L’iniziativa ha voluto mandare un messaggio di pace e di solidarietà con l’Ucraina, cui è stata destinata la raccolta di fondi della merenda collettiva
L’iniziativa ha voluto mandare un messaggio di pace e di solidarietà con l’Ucraina, cui è stata destinata la raccolta di fondi della merenda collettiva

di Alessandra Zanardi

Una biciclettata per la pace. E per lanciare un invito a cambiare stile di vita, nel segno del risparmio energetico. L’iniziativa della Fiab, Federazione italiana ambiente e bicicletta, ha colorato la domenica del Sud Milano con le bandiere della pace e un appello ad abbattere i consumi ricorrendo a sistemi di spostamento non inquinanti. L’appuntamento ecologico, nel pomeriggio di ieri, ha coinvolto i Comuni di Vizzolo Predabissi, Carpiano, Cerro al Lambro e Melegnano, le cui amministrazioni hanno dato il patrocinio all’evento. Proprio nella città del castello mediceo – in piazza delle Associazioni, davanti alla sede locale della Fiab – è stato organizzato uno dei punti di ritrovo della pedalata, pensata per dimostrare che "anche nel piccolo si possono contrastare gli interessi economici legati a fonti energetiche di tipo fossile, un aspetto che è all’origine di più di una guerra", hanno detto gli organizzatori. Il conflitto tra Russia e Ucraina ha riportato in primo piano il tema delle forniture di gas e carburante, coi contraccolpi che la guerra avrà, e in parte sta già producendo, anche sui Paesi non direttamente coinvolti nello scontro armato.

"Qualcuno parla di austerity; a noi piace pensare che sia in atto un cambiamento culturale, con l’acquisizione di una nuova consapevolezza in termini di risparmio e rispetto dell’ambiente – è il parere di Giulietta Pagliaccio, storica attivista di Fiab Melegnano –. I tempi sono maturi per preferire mezzi di trasporto a basso impatto, a partire dalla bicicletta. Non a caso, i dati raccolti nelle ultime settimane a Milano fanno registrare una contrazione nell’uso dell’auto privata, a favore del bike sharing. Un segnale importante". "È arrivato il momento – prosegue – di una transizione ecologica che permetta di sganciarsi dal carbon fossile. A favorire il cambiamento dev’essere soprattutto il mondo delle imprese".

Coronata da una merenda con fragole e cioccolato, la biciclettata ha permesso anche di raccogliere fondi per le popolazioni colpite dalla guerra.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?