lucidi - Palasharp, il palazzetto dello sport visto dall'alto dal Drone (Davide Salerno, Milano - 2018-01-08) p.s. la foto e' utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e' stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate

Milano, 7 febbraio 2019 - Il Comune di Milano ha avviato i lavori di messa in sicurezza e pulizia dell'area dell'ex Palasharp, da anni abbandonata e occupata da senza tetto, su cui dovrebbe nascere un nuovo impianto per l'hockey su ghiaccio per la candidatura di Milano e Cortina alle Olimpiadi invernali del 2026. I lavori, iniziati il 15 gennaio con una prima fase di messa in sicurezza del perimetro del Palasharp, si concluderanno entro la fine di marzo.

I prossimi passi, ha spiegato poi Scavuzzo, riguarderanno, "nelle prossime settimane, il posizionamento fra le due strutture, l'ex Palasharp e una tensostruttura attualmente in carico alla nostra Protezione Civile, di una fila di new jersey sormontati da recinzione a pannelli metallici, con un altezza totale di mt 2.80 in modo da dividere le due aree. Quindi, si procedera' con un ulteriore rafforzamento delle cancellate per impedire l'accesso al tendone da parte di persone non autorizzate".

«Il rispetto di questa scadenza è necessario anche perché la struttura sarà oggetto di un sopralluogo di una delegazione del Comitato Olimpico nel corso del mese di aprile», ha spiegato in consiglio comunale la vice sindaco e assessore alla sicurezza, Anna Scavuzzo, rispondendo ad un'interrogazione del consigliere della Lega, Gabriele Abbiati, proprio sul futuro del Palasharp. Il Comune «per la riqualificazione dell'impianto ha ricevuto due manifestazioni di interesse da privati - ha aggiunto l'assessore allo Sport, Roberta Guaineri -. Una delle due è già stata formalizzata e la stiamo valutando. Poi verrà indetta una gara pubblica». Le manifestazioni di interesse sono arrivate da due gruppi che organizzano eventi e concerti.