Quotidiano Nazionale logo
4 mag 2022

Discariche abusive, i rifiuti più insoliti in mostra

Carrellata di foto alla Civil Week. Dall’ultima pulizia dei volontari. è spuntato un lavandino anni ’50

Un gruppo di irriducibili dell’ambiente lotta contro le discariche abusive con repulisti volontari a cadenza settimanale. E ora i rifiuti più strani riemersi durante i sopralluoghi andranno a comporre una mostra fotografica. Succede a San Giuliano e San Donato, dove opera l’associazione Puliamo La Terra. Trenta gli attivisti fissi, che non mancano all’appello, ai quali si aggiungono anche alcuni volontari saltuari, a seconda delle zone e degli interventi da eseguire. Il lavoro non manca, visto che lo sversamento abusivo dei rifiuti si conferma un nervo scoperto anche nei comuni del Sud-Est Milanese, dove gli immondezzai a cielo aperto deturpano più di una zona, comprese aree di pregio dal punto di vista naturalistico. "Se c’è una cosa che accomuna il gruppo è la constatazione che purtroppo c’è poco rispetto per la natura. Il nostro è un territorio con tantissime aree verdi, spesso rovinate da scempi ambientali. Sono soprattutto rogge, fossati, tratti di campagna e stradine a fondo chiuso ad essere interessate dal problema, ma gli episodi d’inciviltà riguardano anche parchi e piste ciclabili - spiega la vicepresidente del gruppo, Katia Perosini -. Siamo partiti da una prima pulizia organizzata tra amici e la cosa è diventata in breve tempo virale. Ora ci siamo costituiti in associazione, per essere riconosciuti legalmente e avere un dialogo più strutturato con le amministrazioni locali". Ma come lavora il sodalizio? "Si stila un calendario mensile, con interventi ogni fine settimana; qualcosa facciamo anche in settimana, sotto forma di plogging".

Il parco Nord, il canale Comelli, alcune strade di Sesto Ulteriano e i fossati tra la via Emilia e Rocca Brivio sono solo alcune delle zone di San Giuliano battute dagli ecologisti. Che non hanno tralasciato nemmeno il parco Trepalle, il Pratone e la zona di Monticello, a San Donato. Durante l’ultimo repulisti - sabato scorso accanto alla pista ciclabile di via Tolstoj a San Giuliano - scavando con una pala, è riemerso addirittura un vecchio lavandino in ceramica, stile anni Cinquanta. "Non è inusuale trovare rifiuti in giacenza da tempo. Qualche volta si trova anche dell’amianto". "A giorni parteciperemo al Civil Week di parco Sempione - annuncia Perosini -, dove organizzeremo una mostra fotografica dei rifiuti più insoliti recuperati finora, comprese scarpe e vecchie bambole". A.Z.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?