Quotidiano Nazionale logo
29 ott 2021

Spazio, Milano si aggiudica il congresso più importante del mondo

Battuta la concorrenza di Budapest, Adelaide, Siviglia e San Paolo in Brasile

cristiana mariani
Cronaca
featured image
Il congresso internazionale di astronautica si terrà a Milano

"Questo è un piccolo passo per qualche uomo,  un gigantesco balzo per l'Italia e soprattutto per Milano": così si potrebbe parafrasare la celebre frase che l'astronauta Neil Armstrong pronunciò il 21 luglio 1969 in occasione dello sbarco ufficiale del primo uomo sulla Luna. La frase originale "Questo è un piccolo passo per un uomo, ma un gigantesco balzo per l'umanità" ben si adatta a quello che succederà nel 2024 a Milano: il capoluogo lombardo si è aggiudicato la 75esima edizione dell'International austronautical congress, la più importante manifestazione nel settore dello Spazio al mondo. Battendo peraltro la concorrenza di altre prestigiose metropoli internazionali come Budapest in Ungheria, San Paolo in Brasile, Siviglia in Spagna ed Adelaide in Australia.

L'eccellenza

La candidatura della città di Milano è stata supportata in modo determinante dal Governo italiano, attraverso il coordinatore del comitato interministeriale per le politiche spaziali e dalle istituzioni locali, in particolare dal presidente di Regione Lombardia e dal sindaco di Milano. Ad aver determinato la scelta di Milano da parte degli organizzatori sono stati numerosi fattori, fra i quali spiccano senza dubbio le grandi e importanti realtà che in Lombardia, e soprattutto in provincia di Milano, operano da tempo. Una su tutte Leonardo, società che mette il proprio "zampino" in quasi tutte le missioni spaziali europee e che ha la propria sede a Nerviano. Dai pannelli fotovoltaici alla trivella per il suolo di Marte, passando per l'orologio atomico: tanti sono i contributi determinanti che i cervelli di Leonardo danno alle missioni spaziali. Determinante anche l'apporto alla candidatura dell'Agenzia spaziale italiana e dell'Associazione italiana di aeronautica e astronautica. Una squadra che ha ottenuto un risultato storico per la Lombardia.

I protagonisti

"È una vittoria per Milano, per la Lombardia, per l’industria spaziale nazionale e per l'intera filiera. Come Leonardo siamo particolarmente orgogliosi: abbiamo abbracciato e sostenuto la candidatura con convinzione perché crediamo che il valore dello Spazio, dove da anni giochiamo un ruolo da protagonista a livello internazionale, sia fondamentale e strategico per il futuro dell'innovazione tecnologica al servizio del Paese e della sua crescita  sostenibile" sottolinea Alessandro Profumo, amministratore delegato di Leonardo. "Siamo davvero orgogliosi di essere riusciti a convincere l’assemblea generale dello Iaf a scegliere l’Italia e la città di Milano per ospitare la 75esima edizione del congresso. Questo è stato possibile solo grazie ad un sinergico sforzo organizzativo che ha portato alla presentazione di una proposta di candidatura impeccabile e completa in ogni sua parte" gli fa eco Erasmo Carrera, presidente Aidaa. "Il percorso di vari mesi che ci ha portato a questa prestigiosa vittoria è stato un bellissimo esempio di come il sistema Italia funzioni con grande efficacia nel settore spaziale - aggiunge Giorgio Saccoccia, presidente dell'Agenzia spaziale italiana -. Il Comitato di selezione ha premiato la rigorosità e l'accuratezza della nostra candidatura, riconoscendo indirettamente la leadership italiana nell’attuale scenario spaziale  nternazionale. L’Agenzia Spaziale Italiana ha deciso con entusiasmo di supportare e contribuire alla candidatura del Team Italia con la proposta di Milano, mettendo a frutto l’importante rete di relazioni internazionali e la propria visione sul futuro delle attività spaziali, per attrarre consenso".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?