Quotidiano Nazionale logo
29 mar 2022

Regna l’incertezza, a Cinisello nascite e matrimoni a picco

I lieti eventi sono passati dai 656 del 2018 ai 493 del 2021, a fronte di circa 700 decessi

rosario palazzolo
Cronaca
L’assessore alla Famiglia Riccardo Visentin: "Sono numeri che fanno paura ma il Comune può fare poco"
L’assessore alla Famiglia Riccardo Visentin

Cinisello Balsamo (Milano) - Crollano le nascite, si riducono in modo sensibile i matrimoni, soprattutto quelli religiosi. Tra le tante statistiche e i bilanci tracciati in quest’epoca dominata dalla pandemia e dalla crisi economica, forse quelle che riguardano l’anagrafe sono tra le più preoccupanti per le amministrazioni comunali. A Cinisello il saldo demografico è nettamente negativo. A fronte di circa 700 morti ogni anno, a Cinisello Balsamo nel 2021 sono nati solamente 493 bambini. Un dato terribile. Che diventa ancora più catastrofico se viene rapportato a ciò che accadeva negli anni pre Covid: nel 2018 i bambini nati erano stati 656, mentre nel 2019 erano stati 617. Il 2020, in piena pandemia, ha fatto segnare già un primo calo, attestandosi a 561 nascite.

Ma il vero tonfo è stato quello registrato lo scorso anno, quando evidentemente tanti cinisellesi hanno pensato che dinanzi alle incertezze dettate dalla pandemia non fosse opportuno concepire un figlio. Questo clima di incertezza e di individualismo è riscontrabile anche nei numeri della statistica che riguarda i matrimoni. Il 2020, con i divieti imposti dal lockdown, è stato indubbiamente l’anno più nero. In città si sono celebrate solamente 82 unioni, delle quali 20 con rito religioso. Nel 2021 ci si sarebbe aspettati un boom di matrimoni dopo un anno di incertezze, invece la crescita è stata davvero ridotta: 99 unioni, delle quali solamente 29 religiose. Tutto questo mentre nel 2019 le nozze celebrate in città erano state ben 118. Sebbene i primi tre mesi dell’anno non siano propizi per questo tipo di cerimonie, nel 2022 l’anno si è aperto con 16 cerimonie di nozze, tra le quali solamente una religiosa.

"Si tratta di numeri che fanno paura – ammette l’assessore alla Famiglia Riccardo Visentin –, ma che sono solamente in parte causa della pandemia. C’è un problema culturale alla base del calo delle nascite e dei matrimoni. Si pensa di poter fare tutto da soli e si rinuncia a legami duraturi. È importante ripristinare una cultura di fiducia verso il futuro, ma per questo a livello locale possiamo fare ben poco. Stiamo portando avanti politiche familiari che permettano di favorire i nuclei familiari e chi fa figli". Proprio a partire dal 9 aprile, Cinisello ospiterà una serie di incontri dedicati alle famiglie dal titolo "La quotidianità e l’educazione dei figli". Gli incontri si terranno a partire dal 9 aprile nella sede di Cinefabrique in via Canzio 11.

 

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?