Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
17 giu 2022

Campi aridi Incendio brucia 200mila metri

17 giu 2022

Circa duecentomila metri quadrati di terreno bruciati dal fuoco. Ieri pomeriggio un vasto incendio si è verificato tra via Milano e via delle Industrie tra Bernate Ticino e la frazione di Casate. Il terzo campo che va in fumo nel giro di una settimana nel territorio. Il gran caldo, la siccità la fanno da padroni e i campi di orzo bruciano in pochi secondi. Erano le 12.30 circa e la colonna di fumo cominciava a vedersi a distanza di parecchi chilometri. Riccardo Ceppi, vigile del fuoco volontario a Corbetta, l’ha vista che era ancora a Robecco sul Naviglio. Passava per caso, non ha perso tempo ed è entrato in una ditta. Facendosi aiutare da alcuni operai ha steso quattro tubi e ha cominciato a spegnere. "Nel giro di un minuto il fuoco ha mangiato una cinquantina di metri – ha detto – mi sono trovato le fiamme davanti e sono dovuto rientrare. Ho continuato a raffreddare anche perché il fuoco era riuscito ad entrare nel giardino di uno dei due capannoni". È riuscito a domarlo evitando che arrivasse ai bancali. Dalla parte opposta c’erano già i vigili del fuoco di Inveruno con tre mezzi e 10 uomini, supportati da altri due mezzi da Legnano e dai volontari del Parco del Ticino di Magenta. Sono servite oltre due ore per domare le fiamme e un ulteriore tempo per le operazioni di bonifica. La siccità è sicuramente la principale responsabile di questo susseguirsi di incendi. La polizia locale di Bernate ha dovuto chiudere la strada per motivi di sicurezza. In una situazione allarmante a cause della siccità, ci sono sindaci che, per evitare lo spreco di acqua, firmano ordinanze che fanno discutere. È il caso di Tradate dove il sindaco Giuseppe Bascialla vieta dalle 6 a mezzanotte fino al 31 agosto di utilizzare l’acqua potabile erogata dall’acquedotto per lavare piazzette e vialetti, per riempire piscine, per innaffiare "prati, giardini e orti", per lavare auto (esclusi gli autolavaggi) e chiede di "ridurre i consumi domestici di acqua ai soli usi potabili ed igienici". Chi non rispetta le regole, rischia una multa da 25 a cinquecento euro.

Graziano Masperi

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?