A sinistra l’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti e l’archistar Stefano Boeri; sopra, immagine dell’evento
A sinistra l’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti e l’archistar Stefano Boeri; sopra, immagine dell’evento

Milano, 11 luglio 2018 - L'antipasto è lo spettacolo "Il rigore che non c’era" firmato dal giornalista Sky Federico Buffa in scena nei giardini della Triennale venerdì alle 21 (ingresso libero con prenotazione obbligatoria). Il piatto forte è "Milano CalcioCity" in programma dal 27 settembre al 1° ottobre in Triennale, al Parco Sempione, al Campo comunale di Rogoredo, negli oratori con squadre del Csi e in altri luoghi della città. L’obiettivo, come spiega il sindaco Giuseppe Sala, è "riscoprire la bellezza di giocare a calcio per strada, come si faceva una volta, e di utilizzare i giochi di una volta come calciobalilla e subbuteo, ma anche di raccontare il calcio a partire dalla storia delle due grandi squadre di calcio milanesi: Milan e Inter".

Il manifesto di "Milano CalcioCity", non a caso, è rossonerazzurro. Il primo cittadino, interista doc, ci scherza su: "Avevo suggerito di rifare il manifesto, ma non mi hanno ascoltato". I primi testimonial dell’evento, presenti ieri mattina a Palazzo Marino alla conferenza stampa sulla cinque giorni di calcio, sono l’ex presidente dell’Inter Massimo Moratti («Milano CalcioCity è una bellissima idea, tutti abbiamo giocato nelle piazze, significa passione e stare insieme») e l’ex calciatore del Milan Demetrio Albertini ("quanti cancelli e vetri ho rotto quando giocavo per strada, si può imparare a giocare bene a calcio mirando agli specchietti dei tram", ma Sala, ironicamente, fa il segno di andarci piano con il danneggiamento dei mezzi dell’Atm).

Ma tra gli ospiti confermati della prima edizione di Milano CalcioCity ci sono anche l’allenatore Fabio Capello, due glorie del calcio come Roberto Pruzzo ed Eraldo Pecci, i comici Enrico Bertolino e Renato Pozzetto, i giornalisti sportivi Pierluigi Pardo e Paolo Condò, lo scrittore Maurizio De Giovanni e il disegnatore Makkox. L’idea del presidente della Triennale Stefano Boeri e di Alessandro Riccini Ricci, coloro che hanno pensato al palinsesto della cinque giorni dedicata al calcio, è di "riportare il calcio alla sua origine di gioco sociale che si attiva ovunque: nei sagrati, nei cortili e nelle piazze della città italiane", per usare le parole dell’archistar alla guida dell’istituto culturale di viale Alemagna, epicentro degli eventi che ruoteranno intorno al Milano CalcioCity.