Quotidiano Nazionale logo
27 gen 2022

Blocchi ai magazzini Lgd Riapre il tavolo delle trattative

L’azienda leader del movimento merci nell’alimentare spariglia le carte e accetta l’invito dei Sì Cobas. "Hanno attuato un ricatto legato all’embargo"

barbara calderola
Cronaca

di Barbara Calderola Blocchi e sgomberi ai magazzini Lgd di Pozzuolo Martesana, Truccazzano e Vimodrone potrebbero finire presto, l’azienda leader del movimento merci nell’alimentare, braccio operativo della Brivio & Viganò, spariglia le carte e a denti stretti accetta l’invito dei Sì Cobas a ritornare al tavolo della trattativa. Non era affatto scontato, "ma alla fine abbiamo fatto una scelta in linea con la storia trentennale dei nostri rapporti con il sindacato e al di là di posizioni che ci vedono in assoluto disaccordo, alla base della controparte ci sono padri di famiglia, persone che in nome di una prassi sbagliata hanno scelto di perdere tutto quello che avevano", dicono Simona Ubbiali e Daniele Romano delle relazioni sindacali del gruppo logistico. La prassi da cambiare "è il ricatto legato all’embargo che non permette più all’azienda di lavorare se non accetta condizioni inaccettabili. Una situazione che non ha nulla a che vedere il diritto di protestare, che siamo i primi a difendere. In mezzo, a fare la differenza, c’è la persuasione". All’ordine del giorno del nuovo tentativo di mediazione c’è un solo punto: la conciliazione dei 45 licenziamenti "per i danni causati dal fermo attività fuori dalla regole che va avanti da agosto e che mette a rischio la tenuta dei bilanci". Senza contare "i problemi causati ai vicini, soprattutto a Vimodrone: lunedì scorso i magazzinieri hanno bloccato la Padana, cioè fornitori e lavoratori di altre società e non è certo la prima volta". Si riparte dal punto in cui il dialogo si era bruscamente interrotto a ottobre, "sulla richiesta di 3 milioni e mezzo per chiudere, tra i 70 e gli 80mila euro a testa - ricorda Giuseppe Ghezzi, presidente di Lgd - l’ultima vertenza Fedex per citare un esempio autorevole nel nostro campo si è fermata a 48mila euro per ciascun corriere rimasto senza posto". ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?