Messina, 9 aprile 2021 -  Nottata di arresti in Sicilia: a Messina carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia di Stato hanno eseguito un'operazione antimafia congiunta che ha portato all'arresto di 33 persone e al sequestro di beni, in esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Messina, su richiesta della Procura Distrettuale Antimafia di Messina, per i reati di associazione di tipo mafioso, estorsione, trasferimento fraudolento di valori, sequestro di persona, scambio elettorale politico-mafioso, lesioni aggravate, detenzione e porto illegale di armi, associazione finalizzata al traffico di stupefacenti, detenzione ai fini di spaccio di  stupefacenti, con l'aggravante del metodo mafioso.

L'operazione, ancora in corso, "è il risultato di autonome e convergenti indagini del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Messina, del Gico del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Messina e della Squadra Mobile della Questura di Messina che hanno consentito di documentare l'attuale operatività dei sodalizi mafiosi operanti nella zona centro della città dello Stretto, nel settore delle estorsioni in danno di esercizi commerciali, del traffico di stupefacenti e del controllo di attività economiche nel campo della ristorazione, del gioco e delle scommesse su eventi sportivi", dicono gli inquirenti.

Le indagini hanno riguardato la consorteria mafiosa del rione messinese di "Provinciale", con al vertice Giovanni Lo Duca, attiva, fra l'altro, nelle estorsioni in danno di esercizi commerciali e nel traffico di sostanze stupefacenti e hanno portato al sequestro di un bar utilizzato come base logistica dell'associazione mafiosa. Le indagini della Guardia di Finanza di Messina  riguardato le attività del gruppo criminale capeggiato da Salvatore Sparacio, operante nel rione "Fondo Pugliatti", documentando il controllo di attività economiche e portando al sequestro di una impresa operante nel settore del gioco e delle scommesse. Le indagini della Questura  hanno riguardato il sodalizio mafioso capeggiato da Giovanni De Luca, attivo nel rione di "Maregrosso" nel controllo della sicurezza ai locali notturni e nel traffico di stupefacenti, già oggetto dell'indagine "Flower" dell'ottobre 2019.