Bimbi di Gaza in arrivo a Milano. Li curerà il Buzzi

Un gruppo di bambini palestinesi di Gaza arriverà a Milano per ricevere cure mediche presso l'ospedale pediatrico Vittore Buzzi. L'iniziativa umanitaria coinvolge l'Italia, la Francia e il Qatar, con il supporto della nave-ospedale Vulcano. L'obiettivo è offrire un ambiente sicuro e promuovere la pace e la solidarietà internazionale.

Bimbi di Gaza in arrivo a Milano. Li curerà il Buzzi

Bimbi di Gaza in arrivo a Milano. Li curerà il Buzzi

Un gruppo di bambini palestinesi di Gaza sarà curato all’ospedale pediatrico Vittore Buzzi di Milano. Il governatore lombardo Attilio Fontana e l’assessore regionale al Welfare Guido Bertolaso l’hanno annunciato ieri: "Arriveranno nei prossimi giorni a Milano alcuni bambini palestinesi provenienti da Gaza che necessitano di cure e assistenza. Abbiamo dato piena disponibilità alla Farnesina e al ministero della Salute per accoglierli nelle nostre strutture sanitarie". Non sono stati divulgati tutti i dettagli dell’operazione umanitaria, che riguarda bambini feriti o comunque malati esfiltrati dalla Striscia, tra le troppe vittime civili dei raid israeliani che da ormai tre mesi colpiscono Gaza in risposta al pogrom attuato il 7 ottobre da Hamas, ma "dalle prime interlocuzioni - ha spiegato Bertolaso - dovrebbero essere quattro o cinque bambini per i quali si è già reso disponibile l’ospedale Buzzi".

I piccoli pazienti dovrebbero sbarcare domenica a Civitavecchia dalla Vulcano, la nave-ospedale che ha già curato diversi bimbi palestinesi in Egitto ed è salpata dal porto di Al Arish con una sessantina di passeggeri, tra bimbi ed accompagnatori palestinesi. Un’iniziativa umanitaria che ha impegnato Italia e Francia col supporto del Qatar, ha spiegato il ministro della Difesa Guido Crosetto. Da Civitavecchia i bimbi saranno trasferiti in diversi ospedali (inclusi il Rizzoli di Bologna, il Meyer di Firenze, il Gaslini di Genova e il Bambino Gesù di Roma), come i primissimi piccoli palestinesi atterrati in Italia con un volo militare lunedì. "Riteniamo che offrire loro un ambiente sicuro e accogliente sia non solo un atto di umanità - sottolineano Fontana e Bertolaso -, ma anche un passo significativo verso la promozione della pace e della solidarietà internazionale". Gi.Bo.

è arrivato su WhatsApp

Per ricevere le notizie selezionate dalla redazione in modo semplice e sicuro