I carabinieri hanno ricostruito la dinamica dell’assassinio
I carabinieri hanno ricostruito la dinamica dell’assassinio

Pozzo d'Adda (Milano), 27 settembre 2019 - E' morta perché non aveva capito, Charlotte. Stavano litigando, lei e il suo compagno, perché la ragazza lo accusava di essere manesco e voleva cacciarlo di casa. Invece non era vero, urlava lui. E per provarle che si stava sbagliando, ha deciso di stringerle le mani attorno al collo fino a strangolarla. Ecco. Poi certo, Carmelo Fiore, l’operaio 46enne che all’alba di martedì ha ucciso Charlotte Yapi nell’appartamento di lei, dice di aver tentato anche di togliersi la vita con una coltellata al petto. Data con una tale forza e precisione, però, che ieri sera Fiore era già stato dimesso dal Policlinico e trasferito in cella a San Vittore per ordine del giudice che pur non convalidando il fermo per mancanza del pericolo di fuga, ha però disposto per l’uomo la custodia in carcere ritenendolo pericoloso.

Nel corso dell’interrogatorio davanti al gip Giusy Barbara dal suo letto d’ospedale, Fiore ha confessato l’omicidio e ricostruito la dinamica della lite e della tragica conclusione. Charlotte, 26 anni, è morta così senza una ragione – stando allo stesso racconto dell’uomo – nemmeno la gelosia. Una vita complicata e sfortunata quella della giovane italo-ivoriana. Era arrivata in Italia piccolissima insieme alla madre a metà degli anni ’90, per raggiungere il padre. E nel nostro paese erano nati poi altri tre bambini della coppia (una sorella di Charlotte ora studia a Parigi) che non avevano dato problemi. Con lei invece erano sorte difficoltà nel momento delicato dell’adolescenza, problemi con i genitori, tanto che la ragazzina era entrata in una comunità. A 17 anni aveva già un figlio, con un italiano che poi aveva sposato dandogli un altro bambino ma dal quale, poi, si era separata. I due piccoli sono poi cresciuti con il padre. Lei aveva ripreso la sua vita tra qualche inciampo e mille difficoltà

Un anno e mezzo fa l’avvio della relazione con Fiore, operaio in una stamperia, una moglie separata e tre figli affidati a lei. Rapporto complicato e movimentato da liti abbastanza frequenti, quello tra Charlotte e Carmelo. Lei però non l’aveva mai denunciato. Era stato lui semmai a farlo, dopo che la ragazza, stando alla denuncia, gli aveva storto un dito fino a romperglielo durante una discussione. Lunedì in piena notte Fiore ha telefonato alla ex moglie per confessarle di aver strangolato Charlotte dopo una lite e di essere sul punto di uccidersi. La donna ha provato a richiamarlo ma poi ha dato l’allarme al 112. È stato lo stesso assassino, alla fine, a dare all’ex consorte l’indirizzo di casa della compagna. Così ambulanze e carabinieri sono potuti arrivare nell’appartamento della ragazza a Pozzo d’Adda e salvarlo. Charlotte invece era stesa a terra come se dormisse, ma senza vita.