Mantova Calcio
Mantova Calcio

Mantova, 3 marzo 2021 - Il Mantova pareggia in casa di un Arezzo più che all’ultima spiaggia. L’1-1 finale permette ai biancorossi di fare comunque un passo in avanti, anche se non consente di spiccare il deciso balzo in avanti che sarebbe arrivato con i tre punti che gli ospiti hanno cercato con maggiore insistenza, ma la difesa amaranto non ha commesso errori e nel finale della gara il ritmo è rallentato per una divisione della posta in palio, che, sostanzialmente, non ha scontentato nessuno.

La fame di punti degli aretini e la voglia di continuare a fare bene dei virgiliani danno vita ad un inizio subito intenso della partita. Nei primi minuti provano la conclusione Guccione e Piu, ma il risultato rimane immutato così come non cambia dopo i tentativi di Perez e Cheddira. Al 15’, però, Milillo atterra Piu in area e l’arbitro assegna un rigore che Di Paolantonio trasforma con precisione. I biancorossi cercano di reagire con prontezza e rispondono dal centro del campo con una beffarda palombella di Di Molfetta, ma Melgrati riesce a deviare in angolo. Il vantaggio, comunque, carica gli amaranto, che al 20’ colpiscono il palo con Arini (anche se l’arbitro vanifica tutto per un fuorigioco), mentre 60” più tardi Tosi neutralizza un tiro a colpo sicuro di Perez. La formazione di Troise rimane così in partita e può iniziare a costruire la sua rimonta. Prima Cheddira e poi Di Molfetta costringono al lavoro la difesa toscana che, però, non può nulla al 32’ quando Cheddita, di testa, trasforma un corner battuto da Di Molfetta nella rete dell’1-1. È il sigillo al pareggio che accompagna all’intervallo le due squadre, che affidano la decisione della contesa al secondo tempo. Il primo spunto della ripresa propone un brivido nell’area ospite per una deviazione di Milillo che fa assumere alla sfera una traiettoria assai insidiosa, che sorvola di poco la traversa.

Con il passare dei minuti cresce l’azione dei virgiliani, che aumentano i giri del motore. Nel giro di pochi minuti Guccione, Lucas e Pinton chiamano al lavoro l’attento Melgrati, che non si lascia superare. Sul fronte opposto è ancora Piu a rendersi minaccioso al 20’ con una secca sventola che si perde di poco a lato. Nonostante la fame di punti degli aretini, sempre più prigionieri dell’ultimo posto in classifica, la formazione di Troise capisce che si può cercare di fare bottino pieno e tenta il sorpasso al 27’ con una veloce ripartenza di Guccione e al 28’ con un invitante cross centrale di Silvestro che, però, non viene gestito da Bianchi e Zigoni che pure si trovavano in posizione assai favorevole. Il punteggio rimane immutato e con il passare del tempo il ritmo rallenta. Il pareggio sembra un risultato gradito per l’Arezzo che si limita a chiudere gli spazi. Il Mantova cerca ancora di costruire qualche improvvisa accelerazione, ma il risultato rimane immutato sino al triplice fischio dell’arbitro che consente, comunque, ai virgiliani di tornare a casa con un risultato positivo.

AREZZO-MANTOVA 1-1 (1-1)
Arezzo (4-3-3): Melgrati 6,5, Maggioni 6 (39’ st Luciani sv), Cherubin 6, Sbraga 6, Pinna 6; Altobelli 6,5, Di Paolantonio 6,5, Arini 6 (30’ st Cutolo 6); Iacoponi 6, Perez 6,5 (30’ st Cerci 6), Piu 6,5. A disposizione: Sala, Ventola, Kodr, Di Grazia, Carletti, Soumah, Sussi, Serrotti. All: Roberto Stellone 6.
Mantova (3-4-3): Tosi 6,5, Checchi 6,5, Milillo 6 (19’ st Silvestro 6), Baniya 6; Pinton 6 (30’ st Bianchi 6), Lucas 6 (37’ st Militari sv), Gerbaudo 6,5 (19’ st Zibert 6), Panizzi 6,5; Guccione 6,5, Cheddira 6,5 (19’ st Zigoni 6), Di Molfetta 6. A disposizione: Bertolotti, Palmiero, Zanandrea, Saveljevs, Mazza, Nappi, Sane. All: Emanuele Troise 6.
Arbitro
: Carella di Bari 6.
Reti: 16’ pt rig. Di Paolantonio; 33’ pt Cheddira.
Note: ammoniti: Baniya; Guccione; Iacoponi - angoli: 8-6 per il Mantova - recupero: 0 e 4’ – la gara si è giocata a porte chiuse.