Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
14 lug 2022

Parità tra euro e dollaro: cosa significa per l'economia

Da gennaio la moneta unica ha perso il 13% sul biglietto verde. L'export ci guadagna mentre soffrono i settori che devono importare materie prime dagli Usa

14 lug 2022
michele zaccardi
Economia

Oltre all’inflazione, negli ultimi mesi anche un'altra parola che sembrava ormai consegnata al passato è tornata di moda: la svalutazione. Tutti, o quasi, si ricordano della crisi valutaria del ’92, quando l’Italia, insieme al Regno Unito, fu costretta a uscire dal sistema monetario europeo e la lira perse circa il 30% del suo valore. Allora c’era il governo Amato, che varò il famoso prelievo forzoso sui conti correnti. Si dirà: era un’altra epoca. Certo, ma sta di fatto che l’euro, negli ultimi giorni, ha fatto un salto all’indietro di vent’anni e ormai oscilla sul filo della parità con il dollaro, mentre da gennaio si è deprezzato del 13%. Ieri la moneta unica ha chiuso a 1,005 sul biglietto verde e, con i venti di recessione che spirano sul Vecchio Continente, non è escluso che la sua corsa al ribasso possa continuare. Tuttavia, non è la prima volta che ciò accade. Tra aprile del 2014 e marzo del 2015, spinto dalla politica accomodante della Bce (taglio dei tassi e iniezioni di liquidità attraverso il quantitative easing), l’euro si era svalutato del 24% nei confronti del dollaro. Ma quali sono gli effetti per l’economia? Esportazioni incoraggiate dall'euro debole La prima cosa da considerare è che un euro debole incoraggia le esportazioni. I prodotti italiani, infatti, costano meno e, di conseguenza, aumentano le vendite di beni all’estero. Nello specifico, i settori che esportano molto negli Stati Uniti sono alimentare, farmaceutico, auto e moda. Tutti comparti che potrebbero essere avvantaggiati nella lotta per accaparrarsi ulteriori quote nel mercato locale. Va sottolineato, inoltre, che, anche con un euro forte, la bilancia dell’interscambio tra Italia e Usa pende dalla nostra parte. Sono anni infatti che il nostro Paese registra un sostanzioso surplus commerciale nei confronti degli Stati Uniti. Nel 2019 il saldo tra esportazioni e importazioni ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?