Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
13 ott 2021
13 ott 2021

Caro energia, in Europa bollette mai così alte da 10 anni

La questione sarà affrontata nel Consiglio Ue del 21-22 ottobre. Il peso della dipendenza dalle importazioni

13 ott 2021

Bruxelles (Belgio) - "L'inverno è in arrivo e le bollette sono ai massimi del decennio". E' quasi un allarme quello lanciato dalla commissaria all'energia Kadri Simson e del caro energia parleranno i capi di Stato e di governo Ue il 21-22 ottobre nella riunione del Consiglio Ue.

Ci si aspetta che indicazioni e orientamenti della Commissione pubblicati oggi siano in linea generale approvati anche se ci si aspetta che Francia e Spagna porranno nuovamente due temi: disaccoppiamento prezzi all'ingrosso gas/elettricità e contrasto della speculazione nel mercato Ets, di cui la Commissione indica non esistere attualmente alcuna evidenza. Bruxelles invita a confermare gli obiettivi pro clima allo scopo di accelerare la diminuzione della dipendenza da energie fossili nella fase di transizione a emissioni nette zero e, conseguentemente, la dipendenza dalle importazioni. Nel 2019 il tasso di dipendenza energetica dall'esterno era del 61%. Nel 2000 era del 56%. 'L'evata dipendenza dalle importazioni espone l'economia della Ue nei settori chiave a forti fluttuazioni del prezzo dei combustibili fossili, che vengono scambiati sui mercati globali', indica la Commissione nella comunicazione sul caro energia pubblicata oggi.

I prezzi del gas stanno aumentando a livello globale, ma in modo più significativo nei mercati regionali degli importatori netti come l'Asia e la Ue Finora nel 2021, i prezzi sono triplicati nell'Unione e sono più che raddoppiati in Asia. Negli Stati Uniti sono raddoppiati. La dipendenza continentale dalle importazioni di petrolio è nell'ordine del 97%, dal carbone del 44% e dal gas del 90%. A causa dei combustibili più economici, della domanda contenuta e della produzione da fonti rinnovabili in rapida espansione, i prezzi dell'energia all'ingrosso sono diminuiti drasticamente nel 2019 e i prezzi negativi dell'elettricità si sono diffusi ampiamente nel 2020. Questa tendenza al ribasso, però, è stata bruscamente invertita nel corso di quest'anno, quando i prezzi all'ingrosso dell'energia elettrica sono aumentati del 200% su base annuale. Ciò a sua volta ha fatto salire i prezzi al dettaglio, ma in misura molto minore: +9% nella media Ue ad agosto 2021.

In Italia, stando ai dati disponibili a fine settembre, rispetto al 2019 i prezzi all'ingrosso del gas erano aumentati del 406%, quelli al dettaglio del 14%; i prezzi dell'elettricità all'ingrosso del 210%, quelli al dettaglio sono risultati inferiori del 2%. Questo il quadro dei prezzi dell'elettricità al dettaglio a fine settembre rispetto ai prezzi 2019: l'aumento più alto si registra in Romania, +48%. Seguono: Estonia 23%, Belgio 21%, Grecia 19%, Lituania e Svezia 17%, Danimarca 16%, Repubblica Ceca 15% Irlanda e Austria 14%, Slovacchia 9%, Bulgaria 8%, Lussemburgo 7%, Germania, Francia, Slovenia e Finlandia 5%, Lettonia 4%, Polonia e Croazia 3%, Malta 0%. Il prezzo è calato del 20% in Olanda, dell'8% in Spagna, del 5% in Ungheria, del 4% in Portogallo del 2% in Italia e a Cipro.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?