Controlli anti-Covid a Roma
Controlli anti-Covid a Roma

Domenica di sole, in particolare al Nord Italia: si alza la guardia delle forze dell'ordine e delle Amministrazioni comunali in chiave anti-assembramenti. Sono in corso controlli in tutte le aree considerate più a rischio. Piazze, passeggiate, zone a traffico limitato e parchi. Obiettivo scongiurare folle "pericolose" ma anche verificare il rispetto delle norme decisive a frenare il diffondersi del contagio, in primis il distanziamento sociale e l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Anche ieri, 1 Maggio, nonostante un clima incerto generalizzato, è stata condotta una serie di controlli da parte delle forze dell'ordine

Qui Milano 

A Milano questa notte i carabinieri del nucleo radiomobile sono intervenuti in corso Lodi, dove erano stati segnalati al 112 degli schiamazzi all'interno di un'abitazione. Sul posto, i militari hanno accertato la presenza di sei ragazzi, studenti universitari fuori sede, di età compresa tra i 20 ed i 29 anni, radunati in un appartamento affittato da uno dei partecipanti, per trascorrere la serata assieme. I presenti sono stati sanzionati. Sempre questa notte, a San Donato Milanese, i militari della stazione cittadina sono intervenuti in via Alfonsine, dove era stato segnalato un assembramento. Sul posto, i militari hanno identificato 15 persone, tutti giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni, abituali frequentatori della zona, che sono stati multati.

In questa circostanza è stato anche denunciato in stato di libertà con l'accusa di oltraggio a pubblico ufficiale e sanzionato per il mancato uso dei dispositivi di protezione individuale un 23enne italiano il quale, invitato a indossare la mascherina e rispettare le prescrizioni anti-Covid, ha rivolto ai carabinieri frasi offensive. Sempre questa notte a Milano, in viale Marche, viale Certosa e viale Regina Margherita, i carabinieri hanno sanzionato per la violazione delle normative di contenimento della pandemia da Covid-19 e denunciato con l'accusa di guida sotto l'influenza dell'alcool, tre automobilisti, di cui due italiani classe '64 e '89 e un ecuadoriano classe '87, a cui è stato accertato un tasso alcolemico superiore al consentito.

Nella Capitale

Sono state 46 le persone sanzionate dai carabinieri del comando provinciale di Roma per violazioni delle norme anti-Covid durante i controlli potenziati per il weekend del 1 Maggio. Di queste 25 sono accusate di aver partecipato a due feste private. I carabinieri della stazione Bravetta sono intervenuti in un campeggio di via Aurelia dove, in un bungalow appositamente affittato, sono state scoperte 11 persone a far festa senza distanziamento né mascherine. Nello stesso momento, i militari del nucleo radiomobile di Roma sono intervenuti, per una segnalazione giunta al 112, in un appartamento di via della Lungaretta da dove provenivano voci e musica ad alto volume. Qui hanno scoperto una festa privata a cui partecipavano 14 persone. Altri 21 sono stati sanzionati per la violazione del coprifuoco perché trovati, senza giustificato motivo, in strada nell'orario compreso tra le 22 e le 5. 

A Napoli 

Weekend di controlli dei carabinieri di comando provinciale di Napoli. In città, solo ieri, sono complessivamente 55 le persone sanzionate. La gran parte perché non indossava la mascherina di protezione. Particolare attenzione è stata dedicata al rispetto del coprifuoco. Nei quartieri Chiaia e Mergellina i carabinieri sono intervenuti poco prima delle 22 per sensibilizzare alla chiusura gli svariati pub, ristoranti e pizzerie che ancora servivano la clientela. Multe anche per i numerosi avventori che non hanno rispettato gli orari imposti dalla normativa, rimanendo a consumare in strada cibi e bevande, anche dopo la chiusura delle attività. Accertamenti sono in corso anche oggi, concentrati nelle aree dove il rischio assembramenti è più alto.