Controlli in officina (Archivio)
Controlli in officina (Archivio)

Valigie pronte. Itinerari di viaggio preparati. Guide e siti internet consultati. Green pass attivato. Le vacanze si avvicinano. Ma vi siete ricordati di dare una controllata alla vostra auto, soprattutto se siete attesi da un lungo viaggio? Una verifica sulle condizioni della quattro ruote che "metterete alla frusta" e quanto mai opportuna, soprattutto se è un mezzo di trasporto che avete utilizzato poco, lasciandolo spesso parcheggiato o in garage. 

Innanzitutto va detto che il check-up va prenotato con un certo anticipo, perché in questo periodo le autofficine sono piuttosto piene e hanno le agende dense di appuntamenti. C'è poi una verifica preliminare che è consigliabile, ovvero quello di un accertamento sui documenti di guida; la revisione, l'assicurazione e il pagamento del bollo. Non solo: meglio dare un'occhiata anche a quando scade la patente. Potreste avere una brutta sorpresa...

Vediamo, invece, anche con l'aiuto del sito specializzato sicurauto.it, quali sono gli "esami" a cui sottoporre la propria vettura.

  1. Pneumatici
  2. Ruota di scorta e kit di montaggio
  3. Freni
  4. Sospensioni
  5. Motore e livelli
  6. Impianto di raffreddamento
  7. Climatizzatore
  8. Fari e indicatori di direzione
  9. Seggiolini bambini 
  10. Verifiche finali

Penumatici

Una gomma in buone condizioni e gonfiata alla pressione corretta è garanzia sul fronte della tenuta di strada, degli spazi di frenata e del comfort in generale durante il tragitto. Vanno quindi verificate la pressione ma anche l'usura in generale della gomma che, ovviamente, deve avere il battistrada ancora ben rugoso. Se durante l'anno si fanno pochi chilometri ci vuole un controllo supplementare. Lo spessore, infatti, potrebbe essere adeguato, ma se stiamo utilizzando lo stesso treno da tre o quattro anni, gli pneumatici potrebbero "nascondere" crepe, fessure o altri micro inconvenienti. 

Ruota di scorta e kit di gonfiaggio 

Date sempre un'occhiata alla ruota di scorta all'interno del bagagliaio o sotto l'asse del veicolo, se l'avete. Anche questa deve essere in buone condizioni e deve avere una corretta pressione. Verificate di avere con voi tutta l'attrezzatura necessaria a un'eventuale sostituzione di uno pneumatico danneggiato (sì, è valido toccare ferro o fare altri gesti scaramantici). Se invece disponete di un kit di gonfiaggio è meglio appurarne il corretto funzionamento. Serve anche come "test". Va accertata la validità della bomboletta delle riparazioni rapide, verificando che non abbia oltrepassato la data di scadenza.  

Freni auto

Gli elementi dell'impianto frenante sono fra i più a rischio usura dell'auto. E, allo stesso tempo, sono quelli di cui non ci si può permettere un cattivo funzionamento, pena rischi davvero elevati per la nostra sicurezza. Ok quindi a un controllo accurato di dischi, pastiglie e delle ganasce dei freni a tamburo. Se in frenata sentiamo rumori "strani", dovranno essere sostituite le parti malandate. Va verificato anche il livello del liquido dei freni, quando non si debba addirittura cambiarlo, ripulendo il suo impianto dai residui. 

Sospensioni

Un'altra parte molto sollecitata. In particolare proprio durante i viaggi per vacanza, dato che a bordo solitamente c'è una famiglia completa di figli, a cui vanno aggiunti i bagagli (e, magari, al ritorno pacchi e pacchetti con leccornie e regali dei familiari incontrati durante le ferie). Anche le sospensioni devono essere verificate. E anche in questa occasione ci verrà aiuto il meccanico dal quale abbiamo fissato il nostro appuntamento.

Motore e livelli

Il check-up pre partenza può essere l'occasione di un mini-tagliando con cambio di olio e filtro dell'aria, quest'ultimo decisivo per quanto riguardano l'efficienza del motore e i consumi dell'auto. L'olio può essere controllato anche in autonomia, con l'astina nel vano motore da inserire all'interno del cilindro in cui verificare il livello. Ogni motore ha il suo olio "ad hoc": informiamoci su qual è quello che serve per la nostra auto e acquistiamolo di conseguenza.

Impianto di raffreddamento

Date le alte temperature a cui andremo incontro durante le vacanze, l'impianto di raffreddamento è uno degli elementi della nostra auto a cui stare più attenti, anche per evitare problemi al motore, soprattutto in caso di lunghi stop (file al casello o rallentamenti per incidenti e lavori). Attenzione anche alla batteria: una parte dell'auto di cui ci rendiamo conto solo quando si scarica, lasciandoci a terra.

Climatizzatore

Ecco un altro elemento particolarmente "attenzionato" nel corso dell'estate, ovvero il climatizzatore. Nel corso dei viaggi lunghi un guasto o uno stop a questo impianto è da considerarsi una vera e propria sciagura. Ecco perché, per evitare "colpi di calore" o picchi di stress in caso di cattivo funzionamento, è giusto valutare se sostituire il filtro del climatizzatore, in modo da poter avere una vettura sempre fresca. 

Fari e indicatori di direzione

In vacanza capita di uscire molto più spesso la sera, anche utilizzando l'auto. Per questo l'impianto luci - fari e stop - deve essere in condizioni perfette. Le lampadine possono essere cambiate in autonomia o inserite nel "pacchetto" della verifica in officina. E' possibile acquistare anche un kit di lampadine di scorta, da portare con sé in auto nell'eventualità di un inconveniente durante la vacanza.

Seggiolini bambini

I seggiolini che avete in auto per far accomodare i vostri figli - se li avete - sono omologati? E sono per caso usurati? Il controllo dell'equipaggiamento della vettura prima della partenza è l'occasione per effettuare una verifica anche su questa dotazione fondamentale per la sicurezza degli under 12 (età in cui cessa l'obbligo di utilizzare il seggiolino. Ma lo stop può arrivare anche quando il pargolo ha superato il metro e mezzo di altezza). 

Il check finale

Ecco alcuni consigli da seguire il giorno della partenza, dopo che l'auto ha già superato l'esame. Una verifica sulla distribuzione dei pesi nel carico dell'auto, fra valigie e altri bagagli, compresa l'attrezzatura e gli oggetti custoditi in un eventuale baule sul portapacchi, da utilizzare per materiale voluminoso ma leggero, in modo da evitare il rischio di "collassi". Nella dotazione non devono mancare il gilet catarifrangente da indossare in caso di stop imprevisto e il triangolo per segnalare un'eventuale fermata. Un oggetto che potrebbe essere utile, soprattutto se si viaggia di notte, è una torcia funzionante.