Fabio Pecchia, nuovo tecnico della Cremonese
Fabio Pecchia, nuovo tecnico della Cremonese

Cremona - La Cremonese esce a mani vuote dal duello diretto con il Vicenza e vede avvicinarsi nuovamente in modo pericoloso la zona “calda” della classifica. Al “Menti” i grigiorossi cominciano con il giusto spirito, ma offrono qualche spazio di troppo alle avanzate dei giocatori di Di Carlo e prima dell’intervallo subiscono un uno/due dell’esperto Meggiorini che mette in salita la ripresa degli ospiti. I grigiorossi tornano in campo decisi a raddrizzare la situazione e sono bravi a riaprire la contesa dopo soli 8’ con Ciofani. Sotto di un solo gol gli ospiti “intravedono” la rimonta e avanzano coraggiosamente il raggio della propria azione, ma concedono ancora una volta troppo spazio alle ripartenze dei veneti e subiscono così il tris di Nalini che chiude anzitempo la contesa, lasciando a mani vuote una Cremonese troppo “generosa” in fase difensiva che chiude inutilmente con cinque attaccanti in campo. In avvio di partita sono le scelte di mister Pecchia a richiamare l’attenzione. Il tecnico, infatti, conferma la difesa a quattro e fa fronte alle assenze del pacchetto arretrato (indisponibili Terranova, Coccolo e gli squalificati Valeri e Carnesecchi) schierando Bianchetti e Ravanelli centrali secondo le previsioni, ma sui lati agiscono due centrocampisti adattati per l’occasione come Valzania e Pinato, mentre Zortea e Fiordaliso, difensori di ruolo, partono dalla panchina. La delicata sfida delle retrovie parte a spron battuto.

Al 1’ i biancorossi provano la conclusione con Vandeputte, ma la risposta degli ospiti è immediata e dopo soli 60” Gaetano va alla conclusione in bello stile e manda la sfera fuori d’un soffio. Dopo una bella parata di Alfonso, attento a neutralizzare un tiro dei padroni di casa deviato da Ravanelli, i grigiorossi vanno alla conclusione due volte con Gaetano, ma la rete difesa da Grandi non corre particolari pericoli. Il confronto rimane aperto e ricco di capovolgimenti di fronte, ma dopo un botta e risposta rimasto senza esito tra Meggiorni e Bartolomei, i veneti riescono a sbloccare il risultato. È il 23’ quando Barlocco può servire un invitante assist a Meggiorini che, lasciato incustodito, trafigge Alfonso. La Cremonese cerca di reagire subito e dopo un tentativo di Ciofani che non sorprende Grandi, il portiere berico è molto bravo al 27’ a neutralizzare una insidiosa conclusione di Gaetano. La squadra di Pecchia cerca di portarsi in avanti per raddrizzare la situazione, ma non si copre in maniera adeguata alle spalle e al 44’ si ripete l’azione del vantaggio dei padroni di casa. Meggiorini si libera ancora una volta e riceve un invitante servizio che trasforma nel 2-0 che accompagna le contendenti al riposo e mette decisamente in salita il cammino della Cremonese verso un risultato positivo. Mister Pecchia cambia le carte e spinge decisamente in avanti la sua squadra inserendo Strizzolo e Celar. Più potenza e meno fantasia per i grigiorossi che rinunciano a Baez e Buonaiuto, ma bastano solo 8’ a Ciofani per far valere le sue doti in acrobazia e siglare la rete che riaccende le speranze degli ospiti e mette in apprensione i vicentini. La Cremonese a questo punto ci crede e al 12’ Celar ha sul piede il pallone dell’immediato pareggio, ma non riesce a superare Grandi. Scampato il pericolo, il Vicenza torna a mostrarsi in avanti e al 14’ Giacomelli costringe Alfonso ad un’autentica prodezza per mantenere aperta la contesa. È una fase molto avvincente dell’incontro e le due squadre cercano di premere sull’acceleratore, ma il risultato non cambia. La Cremonese crede di poter raddrizzare la situazione e spinge in avanti con un 4-2-4 più che spregiudicato (con Ciofani, Strizzolo, Ceravolo e Celar contemporaneamente in campo), ma le rinate speranze dei grigiorossi subiscono il colpo definitivo al 25’, quando Nalini, da poco sul terreno di gioco, lascia partire una sventola che colpisce il palo e poi si insacca alle spalle dell’incolpevole Alfonso. Sul fronte opposto Fabio Pecchia non vuole saperne di arrendersi ed inserisce addirittura la quinta punta, ma


L.R. Vicenza-Cremonese 3-1 (2-0)

L.R. Vicenza (4-4-2): Grandi 6,5; Bruscagin 6, Padella 6, Cappelletti 6,5, Barlocco 6; Vandeputte 6,5 (39’ st Beruatto sv), Rigoni 6 (21’ st Zonta 6), Pontisso 6, Giacomelli 6,5 (28’ st Cinelli 6); Dalmonte 6 (21’ st Nalini 6,5), Meggiorini 7 (39’ st Lanzafame sv). A disposizione: Perina; Fantoni; Valentini; Agazzi; Gori; Longo; Mancini. All: Domenico Di Carlo 6,5.
Cremonese (4-2-3-1): Alfonso 6,5; Valzania 6, Bianchetti 6, Ravanelli 6, Pinato 6 (34’ st Colombo sv); Bartolomei 6,5 (37’ st Gustafson sv), Castagnetti 6; Baez 6 (1’ st Celar 6), Gaetano 6 (20’ st Ceravolo 6), Buonaiuto 6 (1’ st Strizzolo 6); Ciofani 6,5. A disposizione: Zaccagno; Volpe; Zortea; Fiordaliso; Deli; Nardi. All: Fabio Pecchia 6.
Arbitro: Gianluca Manganiello di Pinerolo 6.
Reti: 23’ pt e 44’ pt Meggiorini; 8’ st Ciofani; 25’ st Nalini.
Note: ammoniti: Barlocco; Valzania – angoli: 4-3 per la Cremonese – recupero: 0 e 4' - la gara si è giocata a porte chiuse.