Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
28 apr 2021

Como, il premio Nobel per la fisica al Festival della Luce

La presenza eccezionale di Michel Mayor chiuderà l'ottava edizione della kermesse, in programma dal 15 al 23 maggio

28 apr 2021
paola pioppi
Cosa Fare
Il duo Enrica Ciccarelli e Ivanna Speranza si esibirà alla serata inaugurale
Il duo Enrica Ciccarelli e Ivanna Speranza si esibirà alla serata inaugurale
Il duo Enrica Ciccarelli e Ivanna Speranza si esibirà alla serata inaugurale
Il duo Enrica Ciccarelli e Ivanna Speranza si esibirà alla serata inaugurale

Como, 28 aprile 2021 – Sarà Dante Alghieri, nell’anno delle celebrazioni per i 700 anni della sua morte, a guidare spiritualmente l’ottava edizione del Festival della Luce di Como, che si svolgerà dal 15 al 23 maggio. Quattro importanti appuntamenti, che si snodano lungo un simbolico percorso di uscita dal buio, verso la luce. Il tema è infatti “L’amor che move il sole e l’altre stelle”, ultimo verso della Divina Commedia, attorno al quale sono stati organizzati dalla Fondazione Volta di Como, quattro importanti momenti di divulgazione scientifica, eventi culturali e mostre, a cui parteciperanno importanti personalità del mondo della scienza e della cultura.

Si parte sabato 15 maggio alle 19 al Teatro Sociale di Como, con la Celebrazione della Giornata Internazionale della Luce: “Dal Buio alla Luce: il Viaggio dantesco e la Cosmologia Moderna”, che si inserisce nella IV edizione dell’International Day of Light indetta dall’Unesco. La serata, condotta da Alessandro Cecchi Paone, ospiterà un testimonial d'eccezione, Sperello di Serego Alighieri, astrofisico e discendente di Dante Alighieri, assieme a Massimo Capaccioli, professore emerito di astrofisica all'Università di Napoli Federico II, sul tema "Il Sole, la Luna e l'altre stelle di Dante". Da astrofisici celebreranno il 700° anniversario della morte del Poeta parlando di astronomia nella Divina Commedia, con un’introduzione sullo stato delle conoscenze all'epoca di Dante e attualizzando alcuni passi astronomici del poema alla luce del sapere di oggi. Seguirà una breve panoramica nella letteratura successiva, fino ai tempi moderni. Un contesto nel quale non poteva mancare la partecipazione straordinaria di Lucilla Giagnoni, attrice, sceneggiatrice e autrice televisiva italiana, con il commento e la recitazione del XXXIII Canto del Paradiso di Dante, canto dal quale ha tratto ispirazione per lo spettacolo “Vergine Madre” della sua coinvolgente Trilogia della Spiritualità. Inoltre intermezzi musicali del

Domenica 16 maggio dalle 17 a Palazzo Beauharnais di Pusiano, conferenza e passeggiata creativa “I pittori del sole. Turner, Segantini, Fox Talbot: come albe e tramonti lariani hanno cambiato la storia dell’arte e della fotografia”. Sono previsti due gruppi di max 25 persone l'uno, con recupero in caso di pioggia o di zona rossa: le tappe prevedono il “percorso Segantini”, scandito dalle riproduzioni di 13 opere che il pittore dedicò alla Brianza, e la presentazione e proiezione nella Sala Civica di Palazzo Beauharnais. Ritrovo finale dei gruppi al primo quadro di Segantini fronte lago per le 20. Pietro Berra, presidente dell’Associazione Sentiero dei Sogni che cura l’evento, racconterà storie e aneddoti, mostrando immagini e video su questi artisti e sull'ispirazione che hanno trovato grazie al sole riflesso sul Lario e sui laghi briantei.

Dal 15 al 23 maggio, al Museo della Seta sarà allestita la mostra "Dagli Inferi al Sole. Il Mosaico della Divina Commedia". Si rimane dunque nella sfera dantesca, con un percorso espositivo che raccoglie una selezione di stampe su seta ottenute con la tecnica del mosaico. Ogni tessera del racconto è una iconografia dell’astro e dell'autore della Divina Commedia. Apertura da giovedì a domenica, dalle 15 alle 19 previa prenotazione su prenota@museosetacomo.com.

Sabato 22 maggio alle 18, nella Sala Bianca del Teatro Sociale, incontro con il Premio Nobel per la Fisica 2019 Michel Mayor, sul tema "Altri Mondi nel Cosmo? La ricerca dei pianeti simili alla nostra Terra e… forse un rifugio per la Vita!". Una partecipazione straordinaria che chiude l’edizione 2021, con la conduzione di Giovanna Tinetti, direttore del gruppo di Astrofisica del University College London. A 25 anni dalla scoperta di Pegasi 51b, il primo pianeta in orbita attorno a una stella simile al Sole, il Premio Nobel ci aiuterà a rispondere a questa domanda che l'uomo si pone da oltre duemila anni. pluralità di mondi nell'universo, pluralità di mondi abitati?

Iscrizioni obbligatorie su eventbrite al link https://fondazionealessandrovolta.it/festival-della-luce-pg/, sulla pagina facebook https://www.facebook.com/fondazionealessandrovolta e nella bio di Instagram https://www.instagram.com/fondazione.volta/ fino al raggiungimento delle presenze massime consentite secondo la normativa vigente. Obbligatoria l’adozione delle misure igienico sanitarie.

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?