Quotidiano Nazionale logo
27 apr 2022

"Per l’esperimento nella fonderia sarà usato un maialino già morto"

Il Tribunale rassicura riguardo al test odierno per l’omicidio Bozzoli

Dopo le ripetute proteste degli animalisti, e le continue richieste di revocare l’esperimento giudiziale del maialino da buttare in un forno della fonderia Gonzini di Provaglio d’Iseo oggi alle 14,30 nell’ambito del processo per l’omicidio e la distruzione del cadavere di Mario Bozzoli, ieri il Tribunale ha diffuso una serie di puntualizzazioni.

"La notizia del maiale gettato vivo nel forno fusorio è destituita da ogni fondamento – scrive il presidente Vittorio Masia (nella foto), indirizzando una nota alla Lav – Così come spiegato dal presidente della Corte d’Assise". E ancora: "A prescindere da ogni altra considerazione, il suino sarà selezionato tra quelli già deceduti per morte naturale, prelevati quotidianamente dagli allevamenti di ditte specializzate e conferiti all’Istituto zooprofilattico di Brescia per le analisi e lo smaltimento. Sarà utilizzata una carcassa priva di infezioni virali, aspetto che potrebbe comprometterne la fuoriuscita dall’istituto. Il suino – conclude la nota – sarà trasportato in loco in mattinata (oggi, ndr) alla sede della fonderia Gonzini di Provaglio d’Iseo in via Ugo La Malfa 24 da un vettore specializzato, messo a disposizione dallo stesso Istituto. Il servizio di ordine pubblico assicurerà il regolare svolgimento dell’incombente istruttorio e il sereno esercizio della giurisdizione penale garantito dalla Costituzione".

B.Ras.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?