Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
11 giu 2022

Le sculture di Bosco protagoniste sul lungolago

Una quarantina le opere esposte anche all’Arsenale sul tema dell’amore

11 giu 2022

È allestito a Iseo l’evento artistico più fotografato nelle ultime settimane. A fare da tema ricorrente, in un misto di poesia e tensione verso il cielo, è l’amore ritratto e proposto in una quarantina di sculture bronzee dall’artista Giacinto Bosco, tra i più quotati scultori italiani e nome di caratura internazionale tra coloro che proseguono la tradizione classica del 900. A organizzare l’esposizione, che viene inaugurata oggi ma che ha già richiamato migliaia di visitatori durante il suo allestimento, è il Comune, da un’idea e con il coordinamento del consigliere comunale Cristina De Llera, supportata dalla Fondazione L’Arsenale, che ospita al suo interno una serie di bronzi di dimensioni contenute, mentre sul lungolago e nelle piazze sono state disposte opere di dimensioni monumentali anche grazie al contributo di Liquid Art System di Franco Senesi e di Cubro Fonderia Artistica e con il patrocinio della Comunità Montana del Sebino Bresciano e della Regione.

"Allestire la mia mostra a Iseo è stata una emozione" ha detto Bosco. Le opere saranno visibili fino all’11 settembre, sia all’aperto sia all’Arsenale.

"Siamo entusiasti nel proporre al pubblico un nuovo grande evento – hanno commentato il consigliere De Llera e il sindaco Marco Ghitti – questa di Giacinto Bosco è una mostra di grande valore, che crea un connubio perfetto con Iseo e le sue caratteristiche".

"Il lavoro di Giacinto Bosco – afferma Angelo Crespi – si concentra sulla mitografia dell’amore, cioè sulla riscrittura in chiave di mito del sentimento dell’amore. Non c’è però nessuna tentazione archeologica, semmai la rappresentazione in chiave moderna e simbolica del desiderio d’amore".

Milla Prandelli

 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?