Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
25 giu 2022
michele andreucci
Economia
25 giu 2022

Se crolla Orio Bergamo resta a terra: l’aeroporto vale 638 milioni di Pil

Studio di Sacbo sul peso dello scalo sul sistema della provincia: quota 12mila posti di lavoro

25 giu 2022
michele andreucci
Economia
L’aeroporto di Orio al Serio
L’aeroporto di Orio al Serio
L’aeroporto di Orio al Serio
L’aeroporto di Orio al Serio

Orio al Serio (Bergamo), 26 giugno 2022 -  L’aeroporto di Orio al Serio è fondamentale per l’economia del territorio bergamasco: se si ferma lo scalo aeroportuale si ferma la locomotiva della Bergamasca . È quanto emerge dal dato relativo all’impatto di Sacbo, la società che gestisce Orio, sulla Bergamasca, contenuto nel report di sostenibilità 2021. In sostanza dalla stima d’impatto economico dello scalo, calcolata attraverso il modello matematico di Aci (Airports council international) Europa e inserita anche nel bilancio del gruppo, emerge una riduzione di circa 638 milioni di euro di Pil generato e una perdita di 12.919 posti di lavoro , un rallentamento dell’intero sistema conseguenza delle difficoltà dello scalo dalla pandemia in poi. "Magari - spiega Giovanni Sanga, presidente di Sacbo - c’è chi si stupisce di questi numeri, ma questa è la realtà: i dati dimostrano ancora di più quanto sia importante, anzi fondamentale, l’aeroporto per il territorio bergamasco".

Il termine di confronto più opportuno è quello tra il 2019, ultimo anno prima del Covid, e il 2021 che ha fatto registrare comunque una ripartenza anche se concentrata nel secondo semestre. Lo studio sulla stima d’impatto è diviso in tre categorie principali (diretto, indiretto e indotto) e una secondaria (catalitico). L’impatto diretto è quello generato dalle aziende che operano direttamente in aeroporto basate sullo scalo o nelle sue vicinanze: qui il saldo 2019-2021 registra un meno 5.027 unità . L’indiretto è legato al lavoro delle aziende che forniscono beni , servizi e assistenza alle attività aeroportuali (per esempio, cibo e bevande per il catering, carburante, logistica): il saldo è di meno 4.373 . L’impatto indotto è generato dai dipendenti delle aziende connesse all’attività aeroportuale, che spendono soldi per le loro esigenze quotidiane, contribuendo a loro volta a generare posti di lavoro nei relativi settori: il saldo è meno 3.519. Nel computo c’è anche il saldo catalitico che riassume l’insieme degli effetti generati dalla presenza di un aeroporto a favore dell’attrattività e della competitività dell’area interessata dalla sua attività.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?