Missione Olympiacos per tenersi l’Eurolega

L'Emporio Armani Milano affronta l'Olympiacos Pireo in una partita decisiva per la qualificazione alla Coppa Italia. Con l'aiuto di Shabazz Napier e Nicolò Melli, i biancorossi milanesi cercheranno di ripetere la vittoria dell'ottobre 2018.

Missione Olympiacos per tenersi l’Eurolega

Missione Olympiacos per tenersi l’Eurolega

Inizia ad Atene questa sera alle 20.15 il 2024 dell’Emporio Armani Milano che gioca il suo ’’derby di Olimpia’’ contro l’Olympiacos Pireo. I biancorossi milanesi continuano la loro serie infernale di partite con il doppio turno di Eurolega presente sia questa che la prossima settimana, inframezzate dalla fondamentale gara di campionato in cui sigillare la partecipazione alla Coppa Italia nell’ultimo turno del girone di andata (in caso di sconfitta ci sono svariati casi di parità che porterebbe all’eliminazione).

Il prima passo del girone di ritorno di Eurolega invece è al Pireo e per la prima volta coach Ettore Messina potrà schierare Shabazz Napier in più nel motore (per lo stesso regolamento anche l’ex Mitrou-Long potrà esordire solo oggi pur essendo arrivato in Grecia già a novembre). Di fronte, per l’ennesima volta, una di quelle formazioni su cui fare la corsa per il passaggio almeno ai play-in , che al momento ha due vittorie in più dei milanesi in classifica.

In più c’è da provare a salvaguardare anche il doppio confronto partendo dal +12 dell’andata quando l’Olimpia giocò una partita difensiva perfetta lasciando gli avversari a soli 53 punti segnati: "L’Olympiacos è una squadra molto fisica, ben organizzata, che ha al momento la miglior difesa della competizione. Per noi sarà fondamentale giocare con attenzione, difendere bene soprattutto sul loro pick and roll centrale e senza cali di intensità per tutti i 40 minuti. In attacco dovremo prima di tutto avere pazienza e muovere la palla".

La situazione infortuni rimane complicata, saranno ancora out Mirotic, Lo, Ricci e Shields, ma rispetto al match di Brescia rientra Diego Flaccadori che ha fatto davvero molto bene nelle ultime settimane potrà giocare qualche minuto anche Billy Baron, seppur al netto di una condizione fisica ancora decisamente da ritrovare: "Sappiamo di avere un roster decimato dalle assenze - continua coach Messina - ma proprio per questo dovremo giocare una gara intelligente aiutandoci uno con l’altro come abbiamo fatto in circostanze simili contro Baskonia".

Chi ha fatto decisamente un passo avanti nelle ultime settimane per aiutare la squadra a venire fuori dalle difficoltà è sicuramente capitan Nicolò Melli. Dopo aver iniziato la stagione a 6.2 punti di media (fino alla gara contro il Partizan del giorno di Sant’Ambrogio) ha aumentato esponenzialmente la sua media nelle ultime 4 gare volando a 15.3 punti e la squadra ha cambiato passo con 3 successi nelle ultime 4 partite. "Noi abbiamo delle assenze, ma abbiamo anche dimostrato di poter giocare buone partite a prescindere dai problemi che possiamo avere - conferma l’ala milanese - giocando con spirito di sacrificio e attenzione. Ad Atene proveremo a ripeterci e per farlo dovremo restare uniti per tutti i 40 minuti, aiutandoci sia in difesa che in attacco". L’ultima volta che l’Armani vinse al Pireo fu nell’ottobre del 2018, fu addirittura la più larga vittoria esterna dei milanesi nella storia moderna dell’Eurolega con un +24 (75-99) che fece il botto, ma in 13 confronti rimangono solo due i ’’sacchi’’ di Atene per i biancorossi. Tra gli avversari attenzione alla triade di pivot Fall-Milutinov-Petrusev, mentre il miglior realizzatore è l’ala americana Alec Peters con 15.4 punti a partita.