Atalanta-Bologna sfida Champions. Servono i gol di Lookman e Scamacca

Il manager Lee Congerton ha lasciato Bergamo . In Arabia farà il ds. del ricchissimo Al Ahli.

Atalanta-Bologna sfida Champions. Servono i gol di Lookman e Scamacca

Deve tornare a sbloccarsi Scamacca, anche lui sette gol stagionali ma negli ultimi tre mesi con una sola rete segnata all’Udinese

Ora l’Atalanta aspetta i gol dei suoi bomber dopo averli trovati dai trequartisti e dalle seconde punte. Nell’exploit che ha portato i nerazzurri da dicembre a fine febbraio a risalire dal nono al quinto posto sono mancati, per diverse ragioni, i gol degli attaccanti più attesi, quelli da teorica doppia cifra stagionale: da Ademola Lookman, cannoniere lo scorso con 14 gol, a Gianluca Scamacca, acquistato in estate dal West Ham per 25 milioni, fino al El Bilal Toure’, comprato dall’Almeria per 28 milioni e fuori fino a gennaio per un grave infortunio muscolare.

A spingere la Dea in questi ultimi tre mesi sono stati i gol dei difensori, degli esterni, dei centrocampisti, delle sue stelle Koopmeiners e De Ketelaere, entrambi a 10 gol, e di giocatori che partivano indietro nelle graduatorie come Muriel, che ha segnato 4 gol a dicembre, e Miranchuk, giocatore decisivo neo mesi invernali con 3 gol e 3 assist.

Adesso per la cavalcata primaverile sui tre fronti Europa League, con la doppia sfida negli ottavi di finale contro lo Sporting Lisbona nelle prossime due settimane, Coppa Italia, con la semifinale ad aprile contro la Fiorentina, e serie A, con la volata per il quarto posto, la Dea aspetta i gol dei suoi tre centravanti.

Ovviamente Lookman, sette gol finora, non ha inciso in questo 2024 per via della lunga assenza per la Coppa d’Africa e per il successivo problema alla caviglia: l’anglo nigeriano, che non segna dal 30 dicembre, è tornato in campo nella doppia trasferta milanese contro Milan e Inter e dovrebbe ricominciare ad ingranare in questo mese di marzo.

Deve tornare a sbloccarsi Scamacca, anche lui sette gol stagionali, ma quasi a secco negli ultimi tre mesi, con una sola rete segnata a fine gennaio all’Udinese.

Il centravanti romano potenzialmente è un bomber da 18-20 gol stagionali (ne ha segnati 16 due anni fa al Sassuolo) e superato il primo semestre di rodaggio gasperiniano, risolti i suoi vari problemi muscolari, da adesso potrebbe trovare continuità di rendimento e realizzativa.

Diverso il discorso per Toure’, tre apparizioni nei finali di gara nell’ultimo mese e una rete realizzata nel 4-1 al Genoa: di fatto la stagione del 22enne maliano non è ancora iniziata, ma anche per lui potrebbe cominciare a ingranare in questo mese di marzo.

Possibile che domani Gasp, nel confronto diretto al Gewiss Stadium contro il Bologna, rilanci da titolare Lookman, a fianco di De Ketelaere, e dia spazio nella ripresa a Scamacca.

Intanto da ieri Lee Congerton non fa più parte dei quadri dirigenziali dell’Atalanta: la società nerazzurra e il 50enne manager hanno rescisso consensualmente il contratto.

Congerton vola in Arabia dove assumerà l’incarico, con un contratto triennale, di direttore sportivo dell’ambizioso e ricchissimo Al Ahli.

Fabrizio Carcano