Arcisate, 13 luglio 2017 - Buone notizie per l’Arcisate-Stabio, la bretella internazionale la cui costruzione fu avviata nel 2009. Risolto l’impasse fra Lombardia e Canton Ticino, con quest’ultimo che aveva minacciato di ritirare il finanziamento da due milioni di franchi per la gestione della tratta, arrivano aggiornamenti positivi anche sul fronte dell’infrastruttura.

È stato abbattuto l’ultimo diaframma della Galleria della Bevera del nuovo collegamento ferroviario internazionale, la cui attivazione è prevista - come confermato in una nota di Rfi - per dicembre del 2017. La demolizione rappresenta la conclusione delle opere di scavo della linea. Il tunnel, lungo circa un chilometro, è stato realizzato operando in parallelo sul lato di Varese e quello di Stabio, è costituito da un lungo tratto centrale realizzato in galleria naturale (860 metri) e da due tratti laterali realizzati in galleria artificiale.

Terminate le opere di scavo, tra pochi giorni inizieranno i lavori di posa dei binari. In contemporanea, saranno completate gli interventi di finitura delle stazioni e della linea. I lavori procederanno con la posa del sistema di alimentazione elettrica dei treni e degli impianti di sicurezza e segnalamento per la circolazione. Si vede, quindi, finalmente la luce in fondo al tunnel nel cantiere di un’infrastruttura fondamentale per il territorio. Il primo colpo di ruspa fu dato nell’estate del 2009. L’obiettivo, dichiarato allora, era di chiudere a fine 2013, in tempo per l’Expo. Una serie di intoppi, però, in primis la difficoltà a stoccare i materiali di scarto del cantiere, hanno allungato i tempi. In Svizzera il tratto Mendrisio-Stabio è stato completato nel 2014.