Arcore (Monza), 4 aprile 2016 – Silvio Berlusconi ospite d’onore all’inaugurazione della pista ciclabile che collega il parco di Monza al parco della villa Borromeo, dalla porta San Giorgio di Villasanta alla Fornace di Arcore, nel cuore della Valle del Lambro. L’opera, 10 chilometri, di cui 1,5 su prato, è stata costruita grazie ad una donazione di 2800 metri quadrati di terreni che l’ex premier possiede nella frazione Ca Bianca, dietro villa San Martino. “Volevo venire in bici ma mi hanno detto che non era possibile. Ho dovuto prendere la macchina”, ha scherzato Berlusconi al suo arrivo, verso le 11. Il taglio del nastro, alle 11,30, ha visto il Presidente di Forza Italia a fianco della sindaca di Arcore, Rosalba Colombo, del Partito democratico e di Eleonora Frigerio, la presidente del Parco Valle del Lambro. Seguiti da un corteo di politici, amministratori locali, giornalisti e cittadini, hanno poi camminato lungo la pista per quasi 200 metri e brindato con bollicine e grana. Molto applaudito, Berlusconi ha elogiato la bellezza della natura in Brianza (“che non è solo fabbriche e manifattura”) e detto di non avere rinunciato al progetto di aprire l’Università del pensiero liberare al Gernetto di Lesmo, la piccola reggia a un chilometro di distanza dalla sua residenza di Arcore. Berlusconi, alla domanda su cosa sarebbe successo a lui, se fosse stato premier, nel caso fosse scoppiata un'inchiesta come quella del petrolio in Basilicata, ha risposto con un "no comment".