Milano, 2 novembre 2017 - Quante gent la se domanda “Ma l’allouin che festa l’è?” “La gent la va’ in gir truccada da mortuari, mascherada, schelettrada, per fa’ paura, per incut el terror” la se divertiss a fass vede’ coi oeuc cerchiaa, la faccia sbiancada, anca i ner, i bianc se pitturen de ner domà per cantà i blues, ma l’identitaa come el nomm l’è nanca europea, la ven dal continent american del Nord o del Sud, g’hoo ancamò de capill. “l’è ‘na festa italiana?” “Noo, l’hoo appena dit” L’è ’na festa che la ven magari da Haiti, in doa se fan le macumbe, i riti zoombistici. I mascher di fioeu e anca di grand a hinn intonà ai mort che viven, che deambulen, che van in gir licenzios a fa anca mal, tant el trucc le protegg, e se sa, certi robb se fan no faccia a faccia, aperta, ma truccada da rend irriconoscibil la persona. Inscì la podarà agì indisturbada. I fioeu però a fann on gioegh innocent. Se trucchen, se vesten, de preferenza cont la lor fantasia van in gir, minimo a rosc (gruppi) de quatter, cont borsoni o sacchettoni a dì “dolcetto, scherzetto” e tucc ghe dann ona o pussèe caramell. El sbagli l’è nella pronuncia. No, dolcetto scherzetto, ma dolcetto o scherzetto. Ghe voraria la o. E allora se on quaivun ghe dà minga el dolcetto el dev spettass on scherzett che podaria vess on spruzzada d’acqua, ona manciada de coriandol buttà in terra, on vers, ona lingua de carta tirada a quell che l’ha minga vorsù dà el dolcetto. 

On quaj ann fàa, i fioeu ancamò traballant sui gamb giraven per i scall d’ona cà, sonaven, diseven a porta serrada el motto per falla derbì e eren accolt cont allegria e impienìi de caramell, ciccolatin, biscott. Quest’ann la mia nevudina Angelica, on angiol senza i all ma movimentada come se gh’hii avess, l’ha decis de fa con trii compagn de class el gir di Navili. Sponda destra del grand, sinistra del paves, sinistra del grand fina al primm pont e da lì per via Vigevano a la stazion de Porta Genova. Nel canton fermada al negozi de patatin fritt, la prima volta per fass regalà on stecchin cont infilaa trii patatin, la seconda per fagh dà on scartossell prepagà in segret e fai cred generos a oltranza. Se dovariss capì l’impazienza dei negoziant. Ai vott e mezza, nel primm pien del laorà dagh a trà minga a quatter ma a des, vint passad de fioeu, cont el ”scherzetto dolcetto”. Ma ona volta all’ann! Preparet on vassosio de caramell, de tocchelin de pizza, de biscott, de carsenza (focaccia), tocchelin de torta, de formagg. L’è tutta pubblicità. Se senten i vos di fioeu che se passen i notizi “ va pussè in giò…. dann, dann!” E via long i spond a fa bordell, a ridd, a sperà de impienì el sacchett, a mangià in quatter e quattrott quell che l’era possibil mangià. La mama di Angelica, Federika la me tosa, i a fotografà e da vegia volpona (la fa l’attrice) la gh’ha telefonà ai genitor di alter tosann (Guia, Angelica, Elsa, Manuela) per fass dà el permess de pubblicalla. 

Me ven de fa on para de considerazion a proposit de la zona e de la movida. Te troeuvet ristorant, e pizzerie, focaccerie, bar, pasticcerie, tutti cont i tavolin all’avert, col cald, col frecc, riscaldàà, minga, pien e voeuj. Cont davanti i fioeu, pussè sgamàa i grand, intimidì ma dolz i piccol. A volt quatter o cinq che fann i clown, i gioeugh de abilità, i ballett, i acrobazie. L’è ona “movuda” tutti i ser. Cont inquilinn proprietari o in affit, propri per quel color ch’el gh’è in quii part pien de vita. E i stess inquilinn vorarissen che ghe fudess nient, che el Comun proibiss, cancellass, impediss. E hann comincià cont i barconi che daven tipicità all’ambient. Fa’ nient se tutti quei che laoren come coeugh, camerer, buttafuori, buttadent, baristi, artist starann a cà. Se tratta magari de student che per arrotondà o mangià in cambi fan i mestèe pussè svariaa per on para d’or. La seconda l’è che l’amministrazion comunal o la zona, pomposament ciamada Municipi (me disen che hann copià de Roma. Capissi no quest volè a tutti i cost rinonzià a la identità milanesa, come nei divis e nei cappel di ghisa) dovariss illuminà semper el percors e i Pont sui Navili, no domà a Nadal, e proibì ai abitant la zona de faa istanz, de reclamà, de vosà al pericol, de inventà balordaggin per el baccan, tant i finester gh’hann tutti i doppi veder. 

Quest ier. Incoeu, el dì di mort, i cimiter affollà, i fiorist ufficializzaa cont i prezzi raddoppiaa, quej abusiv a tentà ona carta sicura cont la vendita ai macchin ferm ai semofor, vas, montagn de fior de porta’ ai tomb fresc de verdura, pien de domand, de perorazion, de visit in gesa, de gent che la ciciara sui tomb, davanti ai lapid. E preghier per la salut, el laorà, el temp atmosferich, i sistemazion logistic, i esam de scola, quej ospedalier, addirittura l’arriv di bonifici nel pagament d’on debit ne la riscossion d’on credit, de tutt. Immagin alla Fellini che te vegnen in ment dai temp de la toa infanzia, de quand te fasevet el cereghet, col catafalc, la messa. la cantada di Sant che quand te rivavet al Sant Ambroeus te savevet de vess a la fin de la tiritera. 

L’è de lì che hinn nassù i me prim canzon macabre/cimiterial, cantaà on ann anca denter al Monumental. Quando sarò morto: “non voglio parenti od amici/ non voglio corone di fiori/ nessuno per me s’addolori/ ma voglio soltanto un codazzo di tram” – Cimitero meraviglioso: “ Al cimitero è bello andar/ con la ragazza per la mano a passeggiar/ e sui cipressi le iniziali scolpire dentro un cuor/ e con due tombe per guanciali/ felici far l’amor”– Cimitero Raccapriccing – “Te ne andrai al cimitero/ e dirai le orazioni/ canterai un de profundis/seguirai le processioni” – A contentely bechine story: “Jukkellì Jukkellè c’e’ un morto sotto me, Jukkelli Jukkellu ho scavato non c’è più” de Brivio/Albertarelli e depeu de Brivio/Patruno: “Funeral Show/ gente che allegria in questo Funeral Show/piangere e follia in questo Funeral Show/ salti balli suoni canti/ niente cuori affranti in questo Funeral Show”. E i motiv che faseven nass i canzon eren anca refusi di giornaj come “il cadavere girava per il quartiere senza rivolgere parola ad anima viva” “ ieri mattina un carro funebre si è ribaltato nel Naviglio, gli occupanti sono illesi” o cartej “cimitero riservato ai morti che vivono nel comune” o bollettin parrocchial “ domani inizieranno i lavori di ripristino del cimitero, si pregano i parenti di curare la pulizia dei propri defunti”... E mi me ciappaven per matt! 

brivio.roberto@yahoo.it