Milano, 3 dicembre 2017 - De associazion ghe n’è on bordell. Vun qualsiasi ch’el gh’ha voeia de fass avanti come immagin, el fonda un’associazion cont l’intent de fa cultura, el va da on nodar e s’el voeur risparmià el va de per lu all’Esatri con l’atto costitutivo, lo statuto, on poo de marche da bollo de 16 euro e da 1.60 (attenti, ghe ne voeur vuna ogni cent righ, de solit ses a hinn assee, trii per l’original e trii per 1 copia) e cont 210 euro, ghe dann la partida iva, el codice fiscal, e i document original cont la data de formazion e tant de timber. Ma quand te gh’heet l’Associazion cultural te devet mettela in azion, fàa vedrinn, conferenz, presentazion de liber, visit, zen, partecipazion a spettacol, ecc. L’è quel che la fa Sator. Sont andà a guardà in del sito “associazioneculturalesator.it” e hoo scopèrt la natura e l’attività che la fàa da on po’ de temp. La locandina che m’han inviàa la parla de Pirandello e de “Lettura scenica di Umberto Tabarelli”. Hoo faa on salt long 58 ann. 1959. 

Diplomà cont el Tabarelli all’Accademia d’Arte Drammatica del Filodrammatici, insegnant Esperia Sperani. In ona Milan che l’era drè a ricostruiss, numm cercavom de costrui la nostra carriera nel teater. Mi e el Tabarelli gh’emm imbroccàa subit la strada giusta. Scritturàa dall’Angelicum, la prima e l’unica compagnia, allora, di Teatro per Ragazzi, direttor Benito Biotto, compagn de scena Sante Calogero (attor e doppiator), Peppino Mazzullo (la vos de Topo Gigio), Angela Cicorella (attrice utilitè, voeur dì che la podeva fa de tutt tant l’era brava), Romano Battaglia (diventà peu scrittor e giornalista alla Rai), Claudia Tempestini (attrice giovina ) sostituida peu da Laura Efrikian (prima che la diventass la mièe del Morandi) Gianni Rubens (ligàa a ona famiglia de suggeritrici, Ada, Gianna e Jolanda Minari, eccezional. Cont lor te podevet anca savè no la part che te la faseven recità come se te la savesset) Roberto Brivio e Umberto Tabarelli (a la lor entrada nel teater). El particolar de l’Angelicum l’era che riprendeven in TV i commedi ch’el faseva perché i registi a eren propri quej de la television: Alberto Gagliardelli, Maria Maddalena Yon, Alessandro Brissoni ( che l’aveva faa el primm tentativ de TV privada con sede nel grattaciel de via Vittor Pisani, osteggiàa da la Rai) e Cesare Emilio Gaslini che col fradel Giorgio faseven on duo formidabil. Col Cesare hoo faa la prima trasmission ideada da Mila Contini in doa ho conossu Febo Conti, quel del Febo Liliana e Grancassa, col Giorgio, giamò personagg del Jazz, el primm disk come cantant col nomm de Roberto Bi e per la Voce del Padrone hoo registrà on para de 45 giri cont i canzon “Vorrei tanto suicidarmi” “ Va Longobardo tango” che in di Juke Box faseven ona bella figura soratutt per la novitàa del linguagg. Me sont squass emozionàa.
E l’è tutto dire depeu avè faa ona vita de spettacol in gir per l’Italia e on quaivun anca a Mendrisio. 

Sunt andà a trovà Umberto Tabarelli, un soldà come mi che l’ha combattù e vinciù on sacc de combattiment in teater, premiàa per la costanza e per la bravura. Pensa che l’ha sposà Adele Mazzotti, la sorella del mitico pianista che el l’ha laorà cont mi des ann, inventor di calambour de la prima ondada. “Albert Einsten non era bello, ma che fisico!” l’era soa “ Dopo la BB, Brigitte Bardot, e la CC, Claudia Cardinale, è in arrivo la PP, non fatevela scappare” l’è soa “ Non c’è più religione, hanno fatto santo Luigi Nono” l’è soa “scontro frontale tra 1100 e 500, 600 d’avanzo” e “ Tutti conoscono la V di Beethoven ma pochi conoscono LaTerza di Bari “ e ancamò “Il vecchio attore offrì generosamente il cerone alla Madonna” “sono dieci anni che mi tieni sulla corda, adesso basta, disse l’archetto al violino” “Con bulbocapillina anche i pelati Cirio ritroveranno una capigliatura folta e lussureggiante”. Podi andà avanti per on liber inter, pubblicaa nel secol scors: “Meglio bastardi che mai, dai diario di un cane”. Pirandello l’ho rappresentàa al Teater Ariberto nel 2002/3. “Questa sera si recita a soggetto” e “Ciascuno a suo modo”.

Ona compagnia de quindes personn. On success de pubblic. La stampa l’è minga vegnuda e inscì la critica, L’Ariberto l’era in Papiniano. Forsi tropp lontan dai redazion. Ma allora gh’era no la velocità de comunicazion che gh’è adess. E a proposit de velocità, depeu l’articol stampaa Martedì 28, hoo ricevù messagg, che mi diseven “invidios” perché hoo parlà minga ben di collega in general e ona quaj cossolina in particolar. Invidios de cosè? Del parlà mal? Del sormontass? Perché capissi minga quel che prononcen minga ben? Me par anca de vess stàa abbsatanza sul generich. Vorarà dì che andaroo in gir per i teater e faroo nomm e cognomm specificand i difett e quand e perché. Ma hoo parlà pocch di teater. El me obiettiv l’era la television e la resta. Se dovessi mett in onda on me programma voraria per prim fa’ che se capissa tutt. E cont men applausi comandà. Anca Martedì sera, sentivi ona interessante trasmission giornalistica, condotta dal Floris, inframezzada dagli applausi de un pubblic obbedient, Uei applaudiven per tutt. Te capivet no da che part a staven. Voeur dì che daven reson second i veritaa giudicaa dal public? 

No, pensi, dall’assistente di studio che ogni tant el tira su el cartel “Applausi”. “Come te set restà indrèe. El cartel l’è pu on cartell ma ona scritta luminosa” “Fa nient, semper on ordin l’è.” “ Ovhei, ma te set mai content! Te va ben nient!” l’è la mia miè, la Raimondi, che la parla. Ghe rispondi “ Gh’è poc de fa andà ben in ‘sto mond che el se scarliga adoss.” “Poer baloss. El ghe basta no trincià giudizi el voeur fa anca de la poesia” “ A proposit de poesia, voeuri andà a vedè el spettacol del Gabriele Lavia. Tutta poesia. El dev vess interessant. L’ha dit che l’ha imparà a memoria 27 poesii. Che impresa! S’el gh’ha de di allora Zucchero che nell’ultima serada trasmissa da Verona l’ha cantà circa 30 canzon, senza legg ona riga, tucc de fila cont l’Arena piena de gent che la vosava in delirio?”

brivio.roberto@yahoo.it