Milano, 5 maggio 2017 - La Luna arriva a Busto Garolfo. Si tratta di un frammento di roccia raccolto durante la missione Apollo 15, che sarà in esposizone domenica 7 maggio, nell’auditorium Don Besana della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate (in via Manzoni, 50) L’iniziativa, promossa dal Gruppo di Ricerca Storica in collaborazione con il Circolo Astrofili di Trezzano sul Naviglio (MI) e il supporto del Comune e della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, si apre sabato 6 maggio con l’osservazione guidata del cielo per i ragazzi delle scuole bustesi

“Ti porto la luna” è il titolo dell’iniziativa, promossa dal Gruppo di Ricerca Storica di Busto Garolfo in collaborazione con il CAT Circolo Astrofili di Trezzano sul Naviglio e la NASA, e con il supporto del Comune e della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate. Un evento che si inserisce nella prima edizione del “Weekend della Scienza”, una due giorni che vuole coinvolgere studenti, genitori ed insegnanti delle scuole primarie e secondarie di primo grado, in un percorso destinato a far conoscere alcuni aspetti della ricerca scientifica rendendoli disponibili per il pubblico giovane e meno giovane.

Il programma del fine settimana si apre sabato 6 maggio con un’iniziativa organizzata in collaborazione con l’Istituto comprensivo statale Tarra e dedicata ai  ragazzi delle scuole primarie e secondarie di primo grado e ai loro genitori.  Per il secondo anno, nel piazzale della scuole don Mentasti, il CAT metterà a disposizione oltre dieci telescopi per osservare pianeti e oggetti del cielo profondo. La serata sarà guidata da Norberto Milani, presidente del Circolo Astrofili di Trezzano. Domenica 7 maggio è in programma l’evento clou con l’esposizione di un frammento di roccia lunare nell’auditorium Don Besana della Bcc. Del peso di 109 grammi, il frammento fa parte della roccia originale da 2.672 grammi che fu raccolta dall’astronauta James Irwin alla stazione 8, adiacente al modulo di atterraggio lunare, durante la missione Apollo 15 (1971). Il campione è un basalto lunare di circa 3,3 miliardi di anni fa; è più antico del 98% di tutte le rocce presenti sulla Terra. Una vera roccia lunare quindi, da ammirare da vicino, da fotografare, da conoscere nella sua storia e nel suo significato nell’evoluzione della Terra e della Luna illustrati nel video-racconto degli uomini che osarono tutto per andare sul nostro satellite naturale a raccoglierla oltre quarant’anni fa. L’intero progetto Apollo portò sulla Terra 382 kg di rocce. Inserita nel tour promosso da ADAA (Associazione per la Divulgazione Astronomica e Astronautica) che fino al 18 giugno porterà in giro per l’Italia il frammento di roccia lunare, l’esposizione è stata permessa grazie al presidente di ADAA, Luigi Pizzimenti, cui la NASA di Huston ha affidato la roccia lunare prelevandola dal bunker laboratorio. L’esposizione è aperta dalle 14.30 alle 20; alle 17 è in programma la conferenza di Luigi Pizzimenti sul progetto Apollo. L’ingresso è libero.

"Il Gruppo di Ricerca Storica ha raccolto la sfida nata da una fattiva collaborazione ed unità d’intenti tra amministrazione comunale e Bcc", ha commentato la presidente del Gruppo di Ricerca Storica Federica Barbaglia, archeologa. "L’opportunità di ospitare un frammento di roccia lunare e l’osservazione del cielo, grazie all’enorme sostegno degli astrofili del CAT, ci offrono gli strumenti per avvicinare il mondo giovanile e non solo a questi due aspetti molto importanti per lo sviluppo culturale del nostro territorio". Il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate Roberto Scazzosi ha aggiunto: "Siamo molto onorati di poter ospitare questa importantissima iniziativa; un evento decisamente unico che arriva proprio nell’anno del 120esimo di fondazione della nostra banca. È un regalo che, grazie alla collaborazione instaurata con il Gruppo di Ricerca Storica, vogliamo offrire al territorio con la certezza di contribuire alla divulgazione scientifica e alla crescita dei nostri giovani". La dirigente scolastica dell’ITC Tarra Giuseppa Francone ha concluso: "Apprezzo che dalla collaborazione tra le realtà del territorio possano fiorire eventi di questo tipo. Segno che la scuola rappresenta una realtà viva e sentita sul territorio di Busto Garolfo. Ritengo che la collaborazione tra l’Istituto Comprensivo Tarra e il Gruppo Astrofili di Trezzano sia particolarmente importante in quanto sostenuta da un obiettivo comune: la promozione e la divulgazione della cultura scientifica, che risulta essere tanto più efficace in quanto non viene solo trasmessa attraverso i libri,  ma passa attraverso la competenza e l'esperienza di chi ha fatto dell’Astronomia la propria passione".