Mantova, 30 ottobre 2017 - Il Mantova ha "riconquistato" il "Martelli" superando 4-2 una Liventina assai ostica. Una vittoria che ha riportato il sorriso nell'ambiente biancorosso ed ha trasmesso nuovo slancio a Correa e compagni. Per sapere, però, se la compagine virgiliana è definitivamente guarita dal "mal di casa" bisognerà attendere il match infrasettimanale che mercoledì porterà allo Stadio mantovano l'Union Arzignano Chiampo. Un secondo appuntamento interno da sfruttare a dovere per risalire ulteriormente in classifica.

Superare i vicentini non si presenta comunque un'impresa da prendere sottogamba. In effetti i veneti non solo vantano una lunga esperienza in serie D, ma sono decisi a conquistare al "Martelli" un risultato positivo. Un intento che il Mantova dovrà cancellare con la tenacia e la determinazione che hanno costretto alla resa una Liventina capace di chiudere il primo tempo sul 2-2. Nella ripresa i virgiliani hanno operato l'allungo decisivo, chiudendo con il sorriso, nonostante l'infortunio capitato a Ricci, un incontro che alla vigilia non si presentava certo privo di insidie: "Avevo detto ai ragazzi di giocare nel modo più semplice - è la sintesi del tecnico biancorosso Renato Cioffi - Non devono pensare ad altro che a fare quello che sanno fare. Così è stato e devo fare un plauso a tutta la squadra per avere gestito nel modo giusto una partita non facile. La Liventina ha saputo raggiungere il pareggio due volte, ma noi non ci siamo persi d'animo e siamo riusciti a riprendere la marcia per raggiungere l'obiettivo desiderato". Proprio lo spirito e la concretezza che serviranno mercoledì 1 novembre nella seconda gara casalinga con l'Arzignano.