Cavernago (Bergamo), 12 agosto 2017 Millequattro, quasi Millecinque... Così si sentivano rispondere i poveri Roberto Benigni e Massimo Troisi. Loro malgrado persi fra le pieghe del tempo a Frittole. Gran film “Non ci resta che piangere”. Vien voglia di rivederlo. Ma se si è nostalgici delle tanto pittoresche atmosfere del XV secolo, è sufficiente fare un giro dalle parti di Malpaga. Per la precisione allo splendido Castello di Bartolomeo Colleoni, che nel 1456 acquistò dal comune di Bergamo un mezzo rudere diroccato e col tempo lo fece diventare il cuore pulsante del suo principato. Una fortezza inespugnabile. Un buen retiro. Ma anche una corte rinascimentale pronta a testimoniare nel corso dei secoli i suoi successi da politico e da condottiero. Ci è riuscito. Ed è proprio intorno a questo piccolo capolavoro che si è costituito il paese di Malpaga. Una volta l’anno l’associazione culturale Malus Pagus organizza una rievocazione storica che è diventata ormai un appuntamento fisso dell’estate. “Millequattro, quasi Millecinque…” il periodo storico di riferimento. E improvvisamente l’antico borgo torna a riempirsi di madame e cavalieri, menestrelli e giullari, cortigiane e paggi, sbandieratori, mercanti e quant’altri. Spazio dunque al Palio di Malpaga, oggi e domani al castello del buon Colleoni. La partecipazione è gratuita, mentre a pagamento rimane la visita del vecchio maniero.

Molto ricco il programma delle due giornate. Oggi si comincia alle 18 con la “Consigna de le ciave ad lo maester de campo” (qualsiasi cosa voglia dire), per proseguire poi con l’avvio dell’antico mercato e giullari e menestrelli liberi di far festa per le vie del borgo. Alle 20 in Chiesa un concerto di musica antica del Quattrocento, prima di andare a dare un’occhiata ai piccoli rapaci, giocolieri e sputafuoco. Domenica dalle 15.30 la rievocazione della vita da campo delle compagnie di soldati, la sfilata, la “Consigna de lo drapo ad lo vencidor” e il banchetto d’epoca. Insomma, un bel tutto nel passato.

Oggi e domani a Cavernago (Bg). Ingresso gratuito. Info: 035 840562, o sul sito www.castellomalpaga.it.