Samarate, a Ferrazzi riesce il sorpasso

L’ex primo cittadino Puricelli sconfitto: decisivi gli apparentamenti del centrosinistra con M5S e civiche

Samarate, a Ferrazzi riesce il sorpasso

Samarate, a Ferrazzi riesce il sorpasso

Operazione sorpasso riuscita al ballottaggio: il secondo turno a Samarate ha premiato Alessandro Ferrazzi, candidato del centrosinistra, da ieri pomeriggio nuovo sindaco. Sfumata la riconferma con il secondo mandato per il primo cittadino uscente, Enrico Puricelli, sostenuto dal centrodestra compatto, Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia, che al primo turno aveva ottenuto il 42,58% dei voti, contro il 29,20% di Ferrazzi. Il candidato del centrosinistra (Pd, Giovamenti e Samarate città viva) per il secondo turno ha incassato gli apparentamenti con il Movimento 5 Stelle, Samarate Insieme e Samarate al Centro, che hanno indubbiamente fatto la differenza, portando al successo Ferrazzi con il 53,44% delle preferenze (per lui 2.975 voti) contro il 46,56% di Puricelli (2.592 voti).

Le larghe intese, in chiave samaratese, hanno consentito il successo al centrosinistra che sperava di poter mettere la freccia ed effettuare nella corsa a due il sorpasso. E questo è avvenuto: così, dopo quindici anni di governo di centrodestra a trazione Lega (i sindaci, prima Leonardo Tarantino e poi Puricelli sempre leghisti), i samaratesi hanno scelto il cambiamento.

Nel pomeriggio in Comune è arrivato Ferrazzi, poco dopo anche Puricelli, e tra i due c’è stato subito un abbraccio. Molto soddisfatto il neoleletto: "Sono molto contento, abbiamo spodestato la Lega e il centrodestra – è stato il suo primo commento – dovevamo evitare di arrivare al ventennio di centrodestra, ce l’abbiamo fatta. La città era in uno stato di abbandono, ora lavoreremo per rilanciarla". La festa è iniziata, a fare da sottofondo le note di “We are the champions“ dei Queen. Grande amarezza, invece, nelle parole dello sconfitto: "Mi dispiace per i miei sostenitori – ha detto Puricelli –. Non me lo aspettavo, si sono messi tutti insieme per battermi, ma è giusto che decida il popolo che vota, adesso noi faremo opposizione, dura". Poi un suggerimento al neoletto: "Gli consiglio di stare attento e di essere presente tra la gente, come ho fatto io".

Questa la composizione del consiglio comunale: a fianco di Alessandro Ferrazzi ci saranno 4 consiglieri comunali del Pd, 2 della lista civica “Samarate al centro“ di Luca Macchi (consigliere comunale insieme agli altri due candidati sindaci apparentati con Ferrazzi, Alessio Sozzi e Marco Alessandro Cenci) e 1 di “Samarate Città Viva“. Sui banchi dell’opposizione, invece, insieme a Enrico Puricelli, siederanno 3 consiglieri comunali della Lega e 2 di Fratelli d’Italia. Calata l’affluenza al ballottaggio: ha votato il 41,66% degli elettori, al primo turno invece era il 56,91%.

Rosella Formenti